domenico.ruggiero06@alice.it
 
www.domenicoruggiero.it.gg
Poesie, aforismi, filosofia, foto del mondo, concorsi, matematica, personaggi, UFO.  
  HOME (biografia + extra)
  AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 4
  Poesie e Racconti di D.R.
  Poesie e Racconti di D.R. - 2
  NEL NOME DI DIO (14-8-2013)
  Le fonti di energia effimera (22-8-2013)
  CONCORSI POESIA
  GALLERIA FOTO
  IL MONACHESIMO FEMMINILE NEL MEDIOEVO (F. Squeo - 13-10-2013)
  ARTICOLI di VARIA NATURA
  ARCHIVIO (25-4-2013)
  Titolo della sottopagina Galleria
  Links di Domenico Ruggiero
  Contatore
  Contatti
  MESSAGGIO DI ASHTAR SHERAN
  GAZZETTA MEZZOGIORNO 22-5-2016
  Elenco links
  Sondaggi d'opinione
  Toplist
  FESTA A VILLA ANZIANI STORELLI - 2016
  FESTA AL CENTRO ANZIANI STORELLI
  NOTTE DEI POETI - DOMENICO RUGGIERO 17-6-2016
  TU CHE VEDI AL DI LA' (POESIA)
  LA BELLEZZA - di FABIO SQUEO
  PREMIAZIONE LA LUCE DELL'ARTE - ROMA
  CONCORSO POESIA PIERLUIGI GRAZIANI - 2016
  CONCORSO POESIA LEIVI 2016 - CITTA' DELL'OLIO
  LIETO COLLE - IL SEGRETO DELLE FRAGOLE 2017
  IBISKOS ULIVIERI - AGENDA 2017
  PERLE QUOTIDIANE 2017 - MONTEGRAPPA EDITORE
Copyright @ opere di Domenico Ruggiero - CITARE sempre la fonte. ........................................................
Poesie e Racconti di D.R.
genius stats
URL Statistics ..............................................

10000 punti ottenuti



....................................................................
. Sito d'argento 

.......................................................................................... 

Poesia, cultura, concorsi, libri, critiche, foto,

Corso Italia, 8 - Trani - tel. 3476608889

...........................................

SEO Tools

 classifiche  miglior sito 

 http://www.partecipiamo.it/ 

................................................................................

N.B. Per acquisti o informazioni sulle varie pubblicazioni, utilizzare la mia e-mail personale.

A vs. disposizione.

Domenico Ruggiero.

   


.................................................... 

A TEMPESTARE DI BACI


Sei l'Agorà delle mie pupille
la perla bianca che ho sempre cercato
e adesso sei qui

a tempestare di baci il mio volto scuro
i miei bianchi ricordi
per annullare la mia volontà

e dormire apparentemente
mentre volano i pensieri dalla mente.


.............................................................................
TRA LE MOLECOLE DEL CIELO

 

 

Non sento più niente,

mi sono ovattato

tra le molecole del cielo

 

e una musica dolce

mi attraversa

le corde della mente

 

ad assorbire dispiaceri,

malinconie

 

ad aprire canali melodici

per elargire profumi

al cuore testardo.  

................................................................


IL guardiano eccellente

 


Del mondo sono
il guardiano eccellente

mentre lentamente ci muoviamo…

E io chiesi
all’Essere Presente:
 
“Qual è il tuo Nome?”

 …Quanto al mio nome
nessuno lo sa

 
solo colui 
che sulla pelle

il mio tempo avrà... 

 

 

 

..................................... 

 MONDO-A

 

 Prigionieri del mondo

ma liberi 
di ritentare ancora.

............................................................... 

SCELTA-B

 

 Il fosso non mi va. 

Per questo ho scelto 
di scalare la montagna.

................................................................... 

 Canzone per la Via

 
Due strade
diametralmente opposte

percorrendo la stessa via

per raggiungere la stessa piazza.

 

Stessa spiaggia

stesso mare


e le stelle stanno a guardare.

 

............................................................  

 Ring Ring

 
Il Ring Ring

del telefono
ino


stride con la calma
e la pace

dei sensi
della natura
del creato.

 

 

Peccato che non l’abbiano capito!

Concorso 28-08-2010

 

“Comunicaria” – Giovinazzo (BA)

Letta presso la Vedetta di Giovinazzo – a cura di Ileana Spezzacatena.

...............................................................   

 Era scritto nel Cielo…

…l’immagine cancellata
nitida ed evanescente.


Resta per sempre
il ricordo del tuo ricordo


e riporta prati verdi
feste in compagnia


all’ombra dell’ultimo sole.


Ma non si è assopito
il pescatore.


.......................................................     


 


FATTI PIU’ IN LA’

 

 Anche se corri veloce

c’è qualcuno
più veloce di te.

 

Anche se voli in alto

c’è qualcuno
più in alto di te.

 

Accontentati

di non essere sceso
troppo in basso


metti le ali
e cammina.

 

 

 

 

................................. 

La gioventù con gli strappi bruciati

Ai giovani
stracciati di oggi 

calzoni e mutandine

lasceremo le pezze
del domani

per dire:

sei nato con la moda déshabillé


adesso  ti doniamo
il prêt a  non-porté.   

 ...................................................   

 Nu' mare 'e guài  (in napoletano)

 

 Stu màre chìn’ ‘e guài
addà fernì.


Na’ palòmma ‘e nòtte
ncòppa all’àcqua chiara

m’ rìce:

 


Papà…..
tu vuò bene o’ rre?

E fàmme salutà
o’ mùnno

pecché
m’ scassa o’ càzzo!

 

..........................................................

VIVENDO NEL SUO RICORDO
(omaggio ad Alda Merini)

 Ti ricordi Alda...
subendo la stessa sorte


incompresi
in questo mondo assurdo


ci guardammo nel profondo
incrociando i pensieri


e congiunti
alla sorgente di vita

scoprimmo l’equazione
dei nostri versi.

 

 ................................................................  

Questi pensieri sono stati scritti tempo fa per i giovani e divulgati
a mezzo Carabinieri, Polizia di Stato, Parrocchie.

Grazie a questo spazio ritengo doveroso reinserirli
nuovamente.

 

PER I GIOVANI
DEL SABATO ASSASSINO


Secondo LA LOGICA DEI 3 VERBI

 (a cura di Domenico Ruggiero)


VADEMECUM 2007         

 1 – 

 DORMIRE DORMIRE

 DORMIRE……………

al massimo 1 ora


………..per restare
nell’eterno riposo.

 


2 -

 BALLARE BALLARE

 BALLARE……………   

 all’insegna del divertimento

  .....lasciando i dispiaceri 
agli altri.

 

 3-   

 TENTARE TENTARE

 TENTARE…………..   

 

 di ripristinare 

 il motore della vita

 ………prima che l’auto del cuore 

 si sfasci.

 

 4-    

 PARLARE PARLARE

 PARLARE…………….

 

 al confessionale

 …….e tagli la legna

 usando il MEA CULPA.

 

 5-   

 BERE BERE

 BERE………

  

50 litri di birra

 .....e incominci a ubriacarti 

 di lacrime amare.

 
6 -   

 CADERE CADERE

 CADERE………….

 

 sempre più in basso

 ......mentre di Domenica

l’ascensore è guasto.

 

 7-  

 MORIRE MORIRE

 MORIRE………….

 nell’ARCO di 1 minuto

 
………per SFRECCIARE

 nuovamente nel mondo

dopo 20 millenni.

  

8 -  

 CORRERE CORRERE

 CORRERE…………….

 

 a 200 all’ora 

 per scappare lontano chissà dove

 ……e restare per sempre 

 nello stesso posto.

 


9-

 SCRIVERE SCRIVERE

 SCRIVERE…………….

  

100 o 200 LIBRI

 che non servono a niente

...…perché i lettori 
sono già tutti morti.

..........................................................  


D.R. IN VERNACOLO - Antologia (2012)


..................................................................................................................

 Pietà


Pietà

per le primordiali età 
della presente età.

Pietà
per chi non è arrivato già
e mai ci arriverà.

Pietà per chi corre
e non sa dove va.

E’ questa la tua bontà

ognuno ha il suo tempo
la sua precarietà

avrà modo di pensare
quando sarà….

..............................................................  

 Mercoledì 6 ottobre 2010

 

 E il gatto
mangia quello che vuole


mentre il topo
cerca solo formaggio


per piacere al gatto


…..quando questo
lo masticherà.


.............................................................   

 A come     ANCORA

 D come     DONNA

 C ....          CON ME. 

 N.B.

 NUOVI BAGLIORI

 NASCONO IN NOI.

.................................................................                    


La Fortuna….è sempre…Fortuna
(Mini racconto –
trascrizione libera in italiano)


Il capitano Mingazzo quel giorno era furioso
perché la sua Fortuna gli mandava sempre
denaro…denaro…soldi….e non sapeva
dove più stiparli.
Così parlò con la sua serva Beatrice, le
raccontò tutto e la inviò in riva al mare per
richiamare a dovere la sua Fortuna...
Quindi Beatrice sulla riva del mare gridò: 
“Fortuna…! Signora Fortuna del capitan
Mingazzo….vieni fuori che ti devo
parlare…!”
Dalle onde del mare uscì, coperta di stracci,
una povera vecchierella
che nel sentire i problemi di Mingazzo, disse
a Beatrice:
“No….! Digli subito che ho già spedito altri
due vagoni di soldi…!
Deve assolutamente trovare il posto dove
custodirli…!”
E sparì tra le onde del mare così come era
apparsa….

A questo punto Beatrice raccontò il fatto al
capitano Mingazzo, che a malincuore,
accettò ciò che gli capitava e sempre gli
sarebbe capitato… perché così aveva
deciso la sua Fortuna.
Anche la povera Beatrice volle di persona
chiamare la sua Fortuna…e andò sulla riva
del mare:
“Fortuna…! Signora Fortuna della povera
Beatrice fatti vedere…e aiutami…! 
Dalle onde del mare uscì una bellissima
Signora in ghingheri, vestita come una
Dama e mentre si trastullava col ventaglio
così rispose:
“Ma cosa stai dicendo!…Cosa mi chiedi!
Sono io che aspetto qualcosa da te e tu
vieni da meeeee…? ………… !!!!!!

 
................................................................ 

RILASCIATO AI SOLI DISTINTISI:





...............................................................
Domenica 23-01-011

 

Buffer del futuro

nel tempo della bufera


quando sotto le lenzuola

nasce la cova
dell'ultimo innocente


mentre il sistema intelligente
si spegne... riverente.


..............................................................    


Domenica 23-01-011



Bello è girare
per gioco

e godere di aere leggiadro.


Bello è
coprirsi di fresco lana

per non patire
il fresco della sera

mentre si va ciondoloni

cercando qua e là
qualche cosa da fare.

E chiudere gli occhi
sorridenti alla notte

per tornare domani...
a giocare.


.............................................................    

Domenica 23-01-2011



 Nella full immersion

ancora diademi
confetti sparuti

per non lasciar precari...


Cercare soluzioni
di pensieri disciolti... 


 ............................................................     

 Parodia di Domenico Ruggiero

su

 

  

 

Libro di Angela Dinì  "Io scalza nell’ANIMA" 
edito da PAGINE s.r.l)

 

 

 

Io vestito nell’ANIMA


Mi hanno chiamato…

Ho detto: così non vado.


De
vo pettinare i miei capelli,

mettere scarpe belle,nuove, pulite.

 

E il vestito….?

Anche quello… nero

a pallini blu!

 

Nell’entrare…

festa e chiacchiericcio

… quel tanto che basta…

 
Ho fatto bella figura!...


..........................................................................
domenica 6-02-011

 

 

Questa sera ci siamo incontrati
con una giovanissima amica,
“PICCOLA DANLY”, ed altre persone.

 Io ho scritto una poesia:

 
“Piccola”

il mio cuore batte per te

 

per lui

per voi

 

ma c’è qualcuno che chiama

che mi vuole bene

 

e aspetta

là dove

 

niente si consuma

tutto si conserva

 

e la mente si eleva….

 
“Piccola” Danly ha letto la piccola lirica…
e dopo qualche minuto, ispirata, mi ha
risposto dedicandomi un pensiero che ora
trascrivo integralmente; mi è piaciuto:


A volte cerco di esprimere

i miei stati d’animo…

 

magari con un gesto

un sorriso

una parola…

 

Ma non riesco ad essere

mai veramente me stessa…

 

perché c’è sempre

qualcosa che mi blocca…

 

sarà forse il mondo

che mi costringe

ad essere così…

 

sono bianco o nero

sole o luna…

 

mentre io...

vorrei essere un arcobaleno!

 

 

………………………………………………..  


6-giugno 2011

 

 





 

 

I DIAVOLI DI TRANI 2011 (parodia)


Da mercoledì 8 giugno
a domenica 12 giugno 
fui tentato da 33 libri 
che mai lessi
perchè il cuore 
era altrove affaccendato
e il tempo impegno-disimpegno
di seguire i dialoghi
si era dileguato.



...............................................

 

(D.R. - 17-09-011)



I marinai di terra
sono grassi

e danno guai

alle donne
alle reti
ai pesci di mare.


E soprattutto
non sanno nuotare...




..................................................................     

(D.R. - 17-09-011)

POESIA LIPOGRAMMA in U


Ma le gambe
a me dicono di No.

Ma le donne
a me dicono di No.

E meno male!

Altrimenti
come avrei fatto
a volare lontano...?

-------------------------------------   

(D.R. - 18-09-011)


Giovani arditi
armati di tridente

carichi di mordente
scoppiettante

senza lavoro
senza lucro 
senza scopo

ma animati dal fagotto
che portano scolpito

sul loro giubbotto.


----------------------------------------------------


(D.R. - 16-10-2011)


Anno 6.5.4.3.2.1.


Estate senza fine
fino agli ultimi anfratti
della terra


densi bruciori
bollenti caldaie

tra i fiumi arsi
d'acre odore

sulla pelle

e poi il silenzio totale.


S'alza il maestrale.

 

.......................................................................... 

Scritto da mimmo, Sabato 05 Novembre 2011 - 16:23

Il capello d’acciaio
Tags: poesia

Ora sono sbarbato
tagliato dei bianchi capelli
quel giorno ero davvero accecato
scorato , stupito.
Vinsi la gioia del Creato.
Tagliai il capello d’acciaio
crebbi beato e pelato
ma poi ho capito ...
                                              Domenico Ruggiero




........................................ 


Ave, amaro Averna,
Caverna d'accesso

e da quando scendesti
mai più tornasti in superficie

a rivedere il sole
per poter ridere e sognare.

Ma solo 
tra fochi fatui

lasciasti l'anima
as ansimare.

(D.R. - 27-11-2011)
.................................. 




Per questo
per quello

per cui
ancora oggi
ti lasci andare
senza speranza

senza che un angelo
si prenda cura di te.

A volerti bene.

(D.R. - 27-11-2011)
.......................................................

Un giorno come un altro
ti sciacquasti

per farti bello
agli occhi di una donna

che uscita dal bordello
vinse la vita

e creò il tuo nuovo fardello.

(D.R. - 27-11-2011)

........................................................


Poesia Lipogramma in U




Pace dirompente
nel seno della notte

nel pacar pensieri
nati da giorni tristi.

E lo stesso giorno
ritrovasti il prefisso del sorriso.

(D.R. - 27-11-2011)


......................................................................... 

(D.R. - 29-11-2011)

Una treccia blu
a carnevale

che copre i capelli
biondo cenere

inceneriti da alcool
stupefacente

e la vita finisce
nel giro di un bel niente...


..................................................................

(D.R. - 29-11-2011)

Para verte mas

mentre la vertenza sindacale
suona la sirena salariale

per non bruciare le risorse umane

e insieme ritrovare
l'unità nazionale.

..................................................................... 

(D.R. - 30-11-2011)

POESIA LIPOGRAMMA in U

 

Smacchiati.....!

E invece ci prostiamo alle storte
del giorno e della notte

per perdere l'identità,

per nascondere
nell'ombra della nebbia

la nostra ragione

e divenire così
fantocci dell'epitaffio.


................................................................... 

(D.R. - 4-12-2011)

 

Il Dolore:

 

 

E’ andato via il nostro male!

Lo avete visto…?

Lo avete sentito…?

E’ uscito sbattendo la porta!

Ormai non faceva

neanche più solletico

incapace di interagire ancora

con ossa

cuore e mente…

E’ andato in altri lidi

a elemosinar vendetta!

 

(licenza Creative Commons)

..................................................................... 

(D.R. - 01-01-2012)


Un fazzoletto sporco di terra

terra sporca di sangue

sangue carpito agli innocenti

innocenti nella braccia del Signore...


......................................................................... 

(D.R. - 01-01-2012)

 

Cenere lapidaria
nella meta di tanta gente

frustrata a tal punto
da mangiare cenere

e la loro vita
si riduce in cenere.

......................................................................... 

(D.R. - 12-02-2012)

POESIA LIPOGRAMMA in U

 

Se fossi Bonaparte

mi vorrei chiamare Napoleone

 

se fossi Roberto

non sarei altro che Boninsegna

 

e che dire di Giancarlo…

sarei stato Magalli.

 

Ma poiché sono Domenico

non vorrei altro
che il mio cognome.

....................................................................... 

(D.R. - 18-02-2012)

La Morte è Morte.
Io dipingo solo il Giorno.


....................................................................... 

(D.R. - 20-02-2012)

La notte è finita
ma dentro di noi
c'è solo la vita.

....................................................................... 

(D.R. - 23-02-2012)

Ricordo ancora

l’atomo del trenone

 

che non più accelerato

 

mi portò da Trani a Pordenone.

 

Anche se qui abbiamo superato

la velocità del soldato,

 

mi sentivo benone

 

fino al giorno in cui mi ritrovai

nell’elettrone del lettone.

 

Era stato solo un brutto viaggio

al di là della luce.


.........................................................

(D.R. - 23-02-2012)

Citrullo fu il trullo 
e chi lo fece.
Amor c'ha nullo amato, 
amar perdona...
lasciò parte del bastone
alla moglie
e parte alla padrona.

.........................................................

(D.R. - 02-03-2012)


EPITAFFIO

Sono andato a Torìn
a comprare una fiàt

"Miguel son sempre mi"

Fuggii a Mantova
per trovare gli Ostrogoti

"E Miguel son sempre mi".

Ma un bel giorno 
il bel Miguel si ammalò
e poi morì.

Ei portava
i scarp' da tennis
e solo solo
tutto solo
se ne andò.

......................................................................... 

(D.R. - 02-03-2012)

IL CANE DI MARIO

 

Si chiama Sem

perché fu trovato al Seminario

 

se fosse stato

vicino al cimitero

il suo nome sarebbe Cim.

 

Ma gli occhi di Sem

parlano della bellezza del Creato

 

di chi fu cacciato

e poi amato

 

e ritrovò la fiducia

nell’uomo Salvatore

 

che gli dava bocconcini

tutti d’un fiato.

.................................................................... 

(D.R. - 02-03-2012)

A LUCIO DALLA

 

Caro Lucio Ti scrivo

Così mi stringo a te

E nel mio amore profondo

Più forte ti stringerò.

 

Qui il mare non luccica più

Ma forse dalle tue parti

C’è qualche speranza in più.

 

Ho attraversato il cielo intero

Per cercare te

Ed oggi la tua poesia raggiunge me.

 

Ti raccomando,

ovunque c’incontreremo,

stiamo sempre attenti al lupo

così potremo dirci

qualche parola in più.

LINK:


http://www.youtube.com/watch?v=ZJUjDSomZFY&feature=youtu.be 
...................................................................





(D.R. - 02-03-2012)

RACCONTO:

LA STANZA DELLA DUCHESSA

LINK:

http://parolesemplici.wordpress.com/2012/03/15/
la-stanza-della-duchessa-posted-by-domenico-ruggiero/?shareadraft=4f50bbbdcd762
 

 

Mi incontrai con Beatrice D’Este, per caso a passeggio per Bitonto, mio paese d’origine, qualche mese prima della sua investitura a Duchessa di Bari. Era il 1491. Io avevo a suo tempo più o meno la stessa sua età ed ero conosciuto come il mago di Bitonto.

Ah! Che ricordi … quei momenti. Adesso sono rinato di nuovo a Bitonto … e sono ingegnere … ma il mio ricordo va a quei giorni …

Ero sì … un prestigiatore … ma ogni tanto le mie facoltà paranormali venivano fuori e mi rendevo utile per tanti compaesani che restituivano
i miei favori con mezzi necessari a sopravvivere.

Ricordo perfettamente che notai la sua immagine, i suoi vestiti
particolari, le sue scarpe… (una scarpa però era sporca) …
e l’afferrai a me con la mente …

Ella, con una scusa banale, mi si avvicinò chiedendomi dove potesse trovare un balsamo per ripristinare la sua chioma, sciupata a causa
di un vento impetuoso … che io nel frattempo avevo fatto salire …
proprio per avvicinarla.

Il mio sguardo fluido la colpì intensamente e diventammo subito
amici …

All’improvviso un giovane, dal bell’aspetto, Lodovico il Moro,
si avvicinò dicendo che non aveva trovato niente di bello da un
mercante che si trovava nella zona …

Restò anche Lui stupito della nostra conoscenza e premuroso
le chiese se tutto andava bene …

Rassicurato in un battibaleno, Ella me lo presentò … e nel giro di
pochi minuti … ridevamo di gusto per la mia affabilità, il loro buon
umore e la gran voglia di uscire un po’ dai ranghi costituiti …

Fu allora che, dolcemente convincente, e sicuro dei fatti miei,
li convinsi a salire sul bastione dove abitavo.

Lì avrei dato alla dolce Beatrice l’unguento profumato che, oltre a sistemarle i capelli, le avrebbe dato un po’ di salute in più.
Mi accorsi, infatti, che era cagionevole di salute e volevo
aiutarla un po’.

Salimmo su. Entrammo in una delle mie stanze, quella che poi avrei chiamato la stanza della Duchessa … e non vi dico la meraviglia di Beatrice e Lodovico …

Alambicchi che emanavano profumi da Re … sfarzi di luce proveniente
da cristalli che illuminavano la stanza … insomma si accorsero di stare nella casa di un mago Buono … che aiutava la gente …

In primis, feci loro assaggiare una tisana … per la verità la faccio
ancora oggi … menta … succo di pesca … semi di melograno
appassiti …  e altro che non posso divulgare …

Poi, da un sacco tirai fuori un contenitore … spalmai la crema sul
suo viso … sui suoi capelli … e lei raggiò bella come nessuno
l’ha mai vista …

In quella zona … esiste ancora il suo profumo, il suo sorriso,
la sua gratitudine.

Le ore erano passate e si era fatto tardi. Ci accommiatammo e, salutandoci, ci promettemmo fraterna amicizia.

Le dissi che a Vigevano l’avrebbero amata per sempre.
Lei mi baciò sulla guancia.

Lui mi strinse la mano. Dovevano partire perché alcuni amici li aspettavano.

Non li feci tardare più di tanto. La sganciai dal mio cuore.

Oggi la rivedo più splendente che mai. E siamo in un’altra era.

A proposito … senza dirle niente … quella scarpa sporca si ripulì …

E tutte e due le scarpe avevano il luccichio dei diamanti.

2° LINK:

http://www.suonamiunapoesia.it/ZNS_SUPz_
Ruggiero_lastanza_delladuchessa.HTML


.......................................................................... 

FESTA DELLE DONNE 2012

 

Se fai la donnetta

direi … un guaione

 

se tu fossi fuoco

mi brucerei.

 

Mentre tu sei bollente,

io sono cotto.

 

Tu sei donna con me

 

con te farei

danni bruciati tra noi

 

e noi siamo già rosolati

 

contorno di fiori ingialliti

dal mese di marzo.

................................................ 


Vorrei Roberta

tra le fresche frasche

 

tra le ricce foglie

 

qualche volta

anche con le voglie.

 

Non tra bicchieri e tazze

ma su alte terrazze

 

per vedere il sole

e le nuvole a grandi chiazze.

.........................................
 

RACCONTO (10-10-2011)


Lui e la Franca

 http://parolesemplici.wordpress.com/2012/04/10/lui-e-franca/

Un giorno incontro una stronza… ma non sapevo ancora di aver incontrato la stronza della mia via…
Mi trovavo per strada in bicicletta, quand’ecco spuntare una bella, giovane donna, che sorrideva giuliva…in bicicletta.

Io le chiedo: dove vai? E lei risponde: Fatti Miei!

“Beh! Sono anche Miei, se ci conoscessimo un po’ di più…

Ride…:amicizia fatta; stessa strada, stessa passeggiata per le
campagne, in bicicletta… Io Mimmo, lei…Franca…

Vorrei provarci ma con cautela…

E’ già una settimana che ci vediamo in sul calar del sole per la solita strada… Niente di particolare… ben inteso… tra noi, ma lei mi
confida di essere incinta.

La rincuoro…perché il padre del nascituro non si trova…

Passano due mesi e non c’incontriamo.

Arriva una raccomandata dal tribunale...a giudizio per aver provocato e molestato la Franca…incinta.

Secondo l’accusa…sono il papà del nascituro…

Carte, cartelle cliniche, analisi…Ce ne vuole a difendersi, ma alla fine
la spunto...

Rincontro la Franca in moto con un semideficiente…che l’ha sposata.

Lei ammicca e mi sorride facendo un gesto, come per mandarmi un bacio…

E tra me e me penso: è proprio vero…”Dio li fa e loro si accoppiano”.

Solo che stavolta gli stronzi sono due, marito e moglie, uno più
puzzolente dell’altro.

Anvedi che c... ta!





.........................................

 



VAI A POESIE  E RACCONTI di D.R. - 2


 

 

 



Tempo sprecato per la cultura (wasted time for culture)  
   
Button "Mi piace" Facebook  
   
Pubblicitá  
   
Guida al sito (Guide to the site)  
  Ogni giorno, quasi, il sito Vi propone qualcosa. Quindi continuate a visitarlo.... se potete... regolarmente. VOTATELO!!!!
IN CONTINUA EVOLUZIONE.
 
Le pagine (pages)  
  Secondo il titolo della pagina... l'argomento inserito è generalmente ... unico.
Ma le pagine non sono statiche. Variano con aggiunte.

N.B.
Il materiale inserito è scaricabile, ma ricordatevi di CITARE la fonte.
....................................................
DIRITTI D’AUTORE – COPIARE È REATO!

Questo blog è dedicato alle mie poesie e alla cultura , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione.
Molte immagini e notizie sono state prelevate dal Web. Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare e saranno eliminati immediatamente. Grazie!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
 
AIUTI E CONSIGLI (help and advice)  
  Per ogni vostro suggerimento e/o aiuto vi ringrazierò perché è prezioso... per la cultura.
Datemene... e avvicinatevi al sito con tanta tranquillità.

tel. 347 6608889


domenico.ruggiero06@alice.it
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=
347 6608889