domenico.ruggiero06@alice.it
 
www.domenicoruggiero.it.gg
Poesie, aforismi, filosofia, foto del mondo, concorsi, matematica, personaggi, UFO.  
  HOME (biografia + extra)
  AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 4
  Poesie e Racconti di D.R.
  Poesie e Racconti di D.R. - 2
  NEL NOME DI DIO (14-8-2013)
  Le fonti di energia effimera (22-8-2013)
  CONCORSI POESIA
  GALLERIA FOTO
  IL MONACHESIMO FEMMINILE NEL MEDIOEVO (F. Squeo - 13-10-2013)
  ARTICOLI di VARIA NATURA
  ARCHIVIO (25-4-2013)
  => Giorgio Napolitano (ENCOMIO - 02-2012)
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non)
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 2
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 3
  => EXTRA di Mimmo
  => Libri e Recensioni 1 di D.R.
  => Libri e Recensioni 2 di D.R.
  => Libri e Recensioni 3 di D.R.
  => Trattato Filosofico sulla Poesia (di D. Ruggiero - 28-03-2012)
  => In Nome Della Bellezza (Stefano Zecchi 26-03-2012)
  => F. NIETZSCHE (11-04-2012)
  => A. SHOPENHAUER (di carlotta ricci 11-04-2012)
  => M. Heiddeger (1 - di Diego Fusaro 11-04-2012)
  => M. Heiddeger (2 - di Diego Fusaro 11-04-2012)
  => GADAMER. Il linguaggio dell'essere (di Michele Lasala - 16-05-2012)
  => Jean-Paul SARTRE (a cura di F. Squeo - 21-05-2012)
  => Albert SCHWEITZER (05-10-011)
  => L'eterna Malattia Del Male di Vivere (di Michele Lasala - 16-05-2012)
  => PENSIERO come Potenza (di Fabio Squeo - 17-05-2012)
  => Alfred ADLER. La conoscenza dell'uomo (27-6-2012)
  => Leibniz e D. Ruggiero (di D. Ruggiero 13-08-011)
  => Henri BERGSON. IL suo Pensiero (27-6-2012)
  => WAGNER E LA DONNA (12-2-2013)
  => ERNST BLOCH (a cura di Remo Bodei - 14-10-2012)
  => WAGNER E LA SPEZIA: IL „PRELUDIO‟ DI UN FESTIVAL EUROPEO (12-2-2013)
  => DIO è rinato . M.M. (a cura del CLSD - 4-7-2012)
  => AMNESTY International (10-04-2012)
  => Prospettive di Democrazia (di Vito A. Girardi - 26-05-2012)
  => POESIA. ESISTENZA. CRISI (a cura di Domenico Ruggiero - 14-10-2012)
  => IL 2013 ANNO DANTESCO DELLA DONNA (12-2-2013)
  => Come ridare sapore alla carne? SOS carnalità (di Michele Radogna - 04-06-2012)
  => LA TOLLERANZA è "OLTRE I LIMITI" (di D. Ruggiero - 22-8-2012)
  => AMOROSA SAPIENZA (di Elisabetta Landi - 06-06-2012)
  => LECTURA DANTIS (da F. Brugnoli - 06-06-2012)
  => Pier Paolo PASOLINI (a cura del CENTRO LUNIGIANESE DI STUDI DANTESCHI - 4-08-2012)
  => LA GERARCHIA e la ricerca del vero (a cura del CLSD - 16-10-2012)
  => LA PARTICELLA DI DIO E' IL MUONE (A CURA DI D. RUGGIERO - 4-7-2012)
  => I tre livelli dell’ontologia parmenidea. Massimo Pulpito (22-07-2012)
  => IL carattere trascendentale del Filosofare (di G. Zuppa - 12-11-2012)
  => Chi è Gustavo Bontadini (a cura di Diego Fusaro - 7-8-2012)
  => Gilles Deleuze (1925-1995). Fabio Treppiedi. (22-07-2012)
  => Nuovo costituzionalismo e multiculturalismo (di Vito Antonio Girardi - 18-06-2012)
  => L’ARTE MODERNA. Meyer Schapiro. (22-07-2012)
  => L'orizzonte degli eventi. Cristò Chiapperini. (a cura di E. Simonetti - 22-6-2012)
  => Qualcuno ancora RiFlette (la luce...) (20-10-2012)
  => I DIVERSI (24-10-2012)
  => A SUA IMMAGINE (Studi Esoterici a cura di Umberto de Palma - 29-10-212)
  => Chi è Antonio Rosmini? (2-4-2013)
  => Tito Cauchi vs Ruggiero - Premio Polverini (20-07-2012)
  => Le parole silenti di Dio (di Michele Lasala - 17-06-2012)
  => da Fabio Squeo (vs Martin pescatore - 02-06-2012)
  => da Roberto Sicilia (29-02-2012)
  => da Nunzia Pasculli (13-09-011)
  => dalla poetessa Elisabetta Morotti (04-04-011)
  => di Rita Occidente Lupo (04-02-011)
  => RECENSIONE. FRANCESCO SICILA (26-07-2012)
  => Il sito di D. R. (visto da Occhi Di Argo - 29-3-2013)
  => Aforisma di Domenico Ruggiero (critica di F. Squeo - 22-9-2012)
  => ENERGIA DELLA MENTE di D. R. (critica di Michele Lasala - 24-9-2012)
  => Riflessioni sul valore della poesia (a cura di N. Pasculli - 20-10-2012)
  => INTERVISTA a D. Ruggiero (di Katia Belloni - 13-11-2012)
  => Omaggio a Domenico Ruggiero (poesia di F. SQUEO - 18-9-2012)
  => Omaggio a Domenico Ruggiero (poesia di R. Sicilia - 20-09-2012)
  => Mr ZEUS colpisce ancora (libro di poesie di D. R. - 29-11-2012)
  => La poesia di Antonietta GNERRE (14-10-011)
  => La Poesia di Enza Capocchiani (9-8-011)
  => La Poesia di Eugenio Panaro (16-08-011)
  => La Poesia di Carlo Scarola (11-10-011)
  => L'Anima profonda di E. MELOZZI (18-08-011)
  => La Poesia di Domenico Cipriano (18-12-2011)
  => Katia Belloni (01-11-2012)
  => IL poeta Filippo Accrocca (17-4-2013)
  => IL MOSTRO (di D. Ruggiero - Fantacalcio - 13-09-011)
  => Sull'importanza del DONARE (05-04-2012)
  => Teoria della Vita (di D. Ruggiero 07-09-2011)
  => Il Pensiero di Archimede e Pitagora (di D. Ruggiero 12-08-011)
  => I TEMPLARI (03-10-011)
  => Collaborazioni (di D. Ruggiero - con Roberto Sicilia)
  => VIRTU' e VIZI (a cura di D. Ruggiero - 13-08-011)
  => AVVISO AI NAVIGANTI (di D. Ruggiero - 23-5-2011)
  => L'Evoluzione.... lentamente (di D. Ruggiero)
  => Il Pensiero di R. Sicilia (a cura di D. Ruggiero - sintesi - 10-08-011)
  => La Pietra della Giovinezza (Anonimo - 9-8-011)
  => La Giustizia di Dio.... arriva! (di D. Ruggiero 08-08-011)
  => TESLA Nikola l'extraterrestre (2-10-011)
  => OTTAVIA PICCOLO (omaggio)
  => Chi è LORENA BIANCHETTI ? (19-05-2012)
  => Chi è FERDI BERISA ? (19-05-2012)
  => Chi è LADRI DI CARROZZELLE ? (20-05-2012)
  => Rivista NEWTON (da dicembre 2011)
  => Lo SAPEVATE che... (17-10-011)
  => Tutto sull'ODE (28-08-011)
  => 10o ANNIVERSARIO - BAR ERVIN 24h-24h (di D. Ruggiero BT - 24-7-011)
  => Anniversario Circolo Unione (di D. Ruggiero BT - 6-08-011)
  => AUTO BLU (di D. Ruggiero - sprechi dello Stato...7-8-011)
  => Le 3 SCIMMIETTE (di D. Ruggiero - politica commerciale 01-08-011)
  => I TEMERARI (a cura di D. Ruggiero 19-08-011)
  => LA MUSICOTERAPIA (di V. Miranda 19-12-2011)
  => VIVERE CON LENTEZZA (di D. Ruggiero 18-01-2012)
  => L'invisibilità (Spazio-Tempo) (di V. Caiani 17-01-2012)
  => LE ECCELLENZE DEL MONDO (12-12-2008)
  => Chi agisce e chi si lamenta: quale differenza? (a cura di G. Marsala 15-05-2012)
  => Differenza tra Leader e Followers (di G. Marsala - 04-06-2012)
  => IL FUMO (di Eliana Stendardo - 1-8-011)
  => IL GINEPRO (del dr. C. Origlia - 29-09-2011)
  => Le Diete e le intolleranze alimentari (del dr. F. De Ruvo - 13-10-011)
  => La Ricerca del Sonno (di D. Ruggiero 26-10-2011)
  => IMMAGINI dal Mondo - (15-09-011) - 1
  => IMMAGINI dal Mondo - 2
  => IMMAGINI dal Mondo - 3
  => IMMAGINI dal Mondo - 4
  => IMMAGINI dal Mondo - 5
  => IMMAGINI dal Mondo - 6
  => IMMAGINI dal Mondo - 7
  => IMMAGINI dal Mondo - 8
  => Lettere d'encomio
  => ARTE NELLA SABBIA (13-12-2011)
  => LA BELLEZZA Degli Uccelli (13-12-2011)
  => I FIORI DEL LOTO (14-12-2011)
  => IL Bello SOTT'ACQUA (14-12-2011)
  => PROIEZIONI STEREOGRAFICHE (14-12-2011)
  => TIPI DIVERSI DI CULTURA (14-12-2011)
  => SIMPATICI ANIMALI (15-12-2011)
  => ILLUSIONI OTTICHE - PUZZLE (14-12-2011)
  => I DESERTI (14-12-2011)
  => I FIORI (16-12-2011)
  => Manipolazioni SURREALI DIGITALI
  => GRAFICHE SFERICHE (16-12-2011)
  => FONTANA SPETTACOLO A BARCELLONA (16-12-2011)
  => I RAGGI SEGRETI DELLA LUCE (16-12-2011)
  => LA FONTANA MAGICA DI KRIZIK a PRAGA (17-12-2011)
  => FONTANA IN FIDENZA (PR) (17-12-2011)
  => FONTANA in GUINEA EQUATORIALE (17-12-2011)
  => FONTANA DI DESIO (17-12-2011)
  => LUNGOMARE di BARI (17-12-2011)
  => FONTANA a JOLANDA di SAVOIA (17-12-2011)
  => SPORT: MOMENTI INTENSIVI (17-12-2011)
  => VIDEO Giorgio Bongiovanni
  => VIDEO - intervista RAI - TV del Gruppo Albatros
  => Centro JOBEL (21-07-011)
  => Giorgio Bongiovanni a Polignano a mare (10-12-2011)
  => W.A. Mozart Concert in re min. K.V. 466
  => VIDEO SU NIETZCHE AL BAR ERVIN (11-06-2012)(
  => Domenico Ruggiero @ Ad Amica 9_Intervista_TV (09-06-2012)
  => Michele Lasala - Youtube
  => Il coniglietto di M. Lasala (2-08-2012)
  => 3 Artisti per 3 poesie (04-11-2012)
  => David Foenkinos. Le nostre separazioni. (di Diego Zandel - 19-05-2012)
  => CONTRO LE RADICI...- Maurizio Bettini (di Sergio D'Amaro - 20-05-2012)
  => La fame delle donne. Marosia CASTALDI. (di M. G. Rongo - 30-05-2012)
  => ME CAGO NELL'AMOR (di Tonino Carotone - 04-06-2012)
  => Livio Sossi - "Cieli Bambini" (a cura di B. Tricarico - 18-06-2012)
  => Festa di Tutti i Santi (da www.partecipiamo.it - 28-10-2012)
  => Festa di Halloween (da www.partecipiamo.it - 28-10-2012)
  => Le Presbytère. Amore e morte secondo Béjart (a cura di P. Bellini - 22-6-2012)
  => La Lupa Capitolina è di origine Medievale (a cura di F. Serravezza - 23-6-2012)
  => ANCORA SUL PRESEPE, SIMBOLO DELL'UOMO NUOVO (12-2-2013)
  => Poesia in romanesco - Peppe Renzi (18-3-2013)
  => Chi è ROSARIO TEDESCO (a cura di D. Ruggiero - 27-06-2012)
  => NUNZIO DESIDERIO (Critica di F. Squeo - 17-9-2012)
  => Buona Pasqua 2013 (da Lunigiana Dantesca - 30-3-2013)
  => Chi è MICHELE di LONARDO ? (di D. Ruggiero - 20-05-2012)
  => UNA VERITA' ASSOLUTA (dal Vaticano) (26-02-2012)
  => L’AFORISMA DEL MESE (12-2-2013)
  => Chi è Maurice MAETERNICK ? (29-05-2012)
  => I MARINES sono nati nel SUD dell'Italia (02-06-2012)
  => Il Telefonino e La Scrittura (a cura di D. Ruggiero - 2-10-2012)
  => Caro LUCIO (foto e poesia di L. DALLA - 07-09-2012)
  => MONTI - poesia di Domenico Ruggiero (2-3-2013)
  => CONFRONTO FRA FRANCESCA E PIA DEI TOLOMEI (20-4-2013)
  => ILLUMINAZIONE DELLA FESTA A SCORRANO (LUGLIO 2011)
  => L'AMADRIADE (12-2-2013)
  => Intervista a Miguel De Cervantes (di Michele Lasala - 13-5-2012)
  => IL Don Chisciotte di Scaparro (di Michele Lasala - 18-05-2012)
  => MONOGRAFIA di Eleonora Cogliati (9-5-2013)
  => I Geroglifici di Fabio Squeo Pittore (14-8-2013)
  => AVVISTAMENTO UFO A TRANI (27-4-2013)
  => MATEMATICA E GEOMETRIA NELLA DIVINA COMMEDIA (CLSD - 11-8-2013)
  Titolo della sottopagina Galleria
  Links di Domenico Ruggiero
  Contatore
  Contatti
  MESSAGGIO DI ASHTAR SHERAN
  GAZZETTA MEZZOGIORNO 22-5-2016
  Elenco links
  Sondaggi d'opinione
  Toplist
  FESTA A VILLA ANZIANI STORELLI - 2016
  FESTA AL CENTRO ANZIANI STORELLI
  NOTTE DEI POETI - DOMENICO RUGGIERO 17-6-2016
  TU CHE VEDI AL DI LA' (POESIA)
  LA BELLEZZA - di FABIO SQUEO
  PREMIAZIONE LA LUCE DELL'ARTE - ROMA
  CONCORSO POESIA PIERLUIGI GRAZIANI - 2016
  CONCORSO POESIA LEIVI 2016 - CITTA' DELL'OLIO
  LIETO COLLE - IL SEGRETO DELLE FRAGOLE 2017
  IBISKOS ULIVIERI - AGENDA 2017
  PERLE QUOTIDIANE 2017 - MONTEGRAPPA EDITORE
Copyright @ opere di Domenico Ruggiero - CITARE sempre la fonte. ........................................................
Chi è ROSARIO TEDESCO (a cura di D. Ruggiero - 27-06-2012)
...................................................
ROSARIO TEDESCO : UN GRANDE
(d. ruggiero - 27-07-2012)

Il Comune di Agropoli – Gli Occhi di Argo - L’Ass. “Silesia”
presentano
 
L'ASSEDIO 
Il Castello Aragonese di Agropoli
tra Mito e Realtà
 
Domenica 29 luglio 2012 ore 21:00
Castello Aragonese di Agropoli
Mostra Fotografica Personale di Rosario Tedesco
Ingresso Libero
 





Vedremo le foto di Rosario Tedesco domenica. Le potremo osservare, ammirare e lasciarci trasportare da esse. Esse ci porteranno naturalmente ad alzare la testa e a osservare la realtà da una nuova angolazione: quella onirica.
Presenza di forme d’ovatta e assenza di tinte attireranno il nostro sguardo e, lasciandoci andare all’immagine, lo stupore sarà pronto ad accoglierci e accompagnarci attraverso un percorso fatto d’inconsistenza e consistenza, spirali e rigide geometrie. Anime fatue e corpi di pietra.
Vuoti e pieni, bianchi e cupi, sfumati d’ocra, a scindersi e, inauditamente, a fondersi. Opposti nell’alto dei cieli.
Contrasti, divergenze, sogno e dura realtà, eppure duro sogno e morbida realtà. Specularità e differenziazione.
Duro sogno come incubo, orrore e invece, ancora, reale illusione, bellezza, meraviglia e, infine, incanto.
Le foto sono sortilegio scorto dalla finestra di una fattucchiera o riflessi catturati dallo sguardo di un bambino attratto dallo zucchero filato da una mano divina.
Davanti all’opera di Rosario Tedesco ragioneremo di trasparenza e di opacità. Come dire di evidenza e d’imponderabile o di moralità e immoralità.
Archetipi e non più stereotipi attraversano i cieli e la terra di questo artista.
Comprenderete le mie parole solo dopo la vista delle foto seppiate di Rosario Tedesco e solo dopo esservi liberati da ogni peso e sovrastruttura terrena e aver raggiunto un nuovo stato di naturalezza, intesa come pensiero spontaneo e stupito.
Librato.
Milena Esposito
 
























 



























OPERE DI ROSARIO TEDESCO - @copiright

ATTENZIONE: ogni abuso sarà punito ai termini di legge.

..............................................................................................

MOSTRA del 5 marzo – 21 aprile 2012 – ARRESA [AL] SUBLIME

ALCUNE IMMAGINI E SUCCESSIVA DESCRIZIONE
DELL'AUTORE:



















 

 

Casella di testo: EditingCasella di testo: PostCasella di testo: OscarCasella di testo: FotoCasella di testo: ParlantiCasella di testo: WildeAd  operazione  finalmente conclusa,  includendo  anche  la
successiva manipolazione al  computer 
degli scatti che ho realizzato,  posso  dire 
di avere ottenuto  esattamente i risultati
che desideravo ottenere e di poter  essere 
cosi pienamente soddisfatto.

A  riguardare  le  foto  originali,  adesso  
che l
e  ho  definitivamente manipolate  
raggiungendo  risultati che mi ero  
prefisso  di ottenere fin  dall’inizio,  
posso  dire che non  le riconosco  più come

mie,  tantomeno  addirittura come fotografie.

Esse,  infatti,  non  hanno  per  me  
rappresentato   altro  che  un  mezzo
come  tanti  altri  con   il quale  pervenire
al vero  fine  che  mi ero imposto  di 
raggiungere  fin  dalla  prima volta nella
quale 
mi era balenata in  testa l’idea di
realizzare questo  servizio fotografico.

Ossia,  non  quello  di  realizzare  delle  
foto  che  ritraessero  le pietre  e  le  nuvole  
più  fedelmente 
possibile a come esse sono 
nella realtà, ma che rispecchiassero  il più 
fedelmente possibile come 
io  me  le  sono
figurate  nel mio  immaginario  nel  
momento  in cui ho  pensato  di  ritrarle,
al  fine, 
ovviamente, di far  che questa
rappresentazione avesse luogo  anche nella realtà.

È  ovvio  che  la  mia  idea  di operare  la  suddetta trasposizione
non  si richiama  a  nessun  princi
pio  assoluto  ed  ha un  valore del
tutto  soggettivo  che fa capo  unicamente  al mio
gusto  persona
le e, quindi, quasi per nulla oggettivo.

Ma  quel  che  conta  è  che  è  un  valore  che  
potevo  attribuir  loro  unicamente  io  e  nessun  altro

all’infuori di me.

Quel  che  voglio  dire  è  che  se  avessi  potuto
  realizzare  quegli  scatti  con  l’ausilio  di  apparec-

chiature sofisticatissime ed  all’avanguardia da
tutti i punti i vista e, soprattutto, se fosse stato  un

fotografo  “vero”  a farli, sarebbero  venute 
fuori delle foto  sicuramente migliori.

Ma non  sarebbero  state mie, ecco.

Oscar Wilde ha scritto  una frase meno  
banale di quanto  possa apparire di primo  acchito:
una delle cause principali a cui si può  attribuire 
la curiosa convenzionalità di molta della

letteratura dei nostri tempi e senza dubbio  
il declino della menzogna come arte, come scienza
come diletto  sociale.

L'Arte inizia con  la decorazione astratta, con  
l'opera semplicemente immaginativa e gradevo-

le che ha a che fare con  ciò  che è irreale e non
esistente. Questa è la prima fase. Poi la Vita

viene affascinata da questa nuova meraviglia, 
e chiede di essere ammessa nel suo  circolo

incantato. L'Arte prende la vita come pane 
della sua materia prima, la ricrea, la rimodella
in 
nuove forme, è assolutamente indifferente 
ai fatti, inventa, immagina, sogna e conserva 
fra se stessa e la realtà la barriera impenetrabile
del bello  stile, del trattamento  decorativo  o
ideale. 
La terza fase è quando  la Vita prende il
sopravvento  e porta l'Arte fuori, nel suo  
territorio  selvaggio. Questa è la vera decadenza, 
ed è questo  di cui noi soffriamo  oggi.

L'Arte ha come obbiettivo  non  semplicemente
 la verità ma la bellezza complessa. 
L'Arte 
stessa è in  realtà una forma di esagerazione:
e la selezione, che è il vero  spirito  dell'Arte, non  è

altro  che un  modo  per  intensificare la superenfasi.

L'Arte trova la propria perfezione all'interno  e 
non  all'esterno  di se stessa. Non  deve essere

giudicata con  un  qualsiasi metro  di verosimiglianza.
Essa è un  velo, più che uno  specchio. Sue

sono  le forme «più reali dell'uomo  vivente», 
suoi sono  i grandi archetipi di cui gli oggetti

esistenti non  sono  che delle copie incompiute. 
Ai suoi occhi la Natura non  ha leggi, non  ha

uniformità. Può  far miracoli a suo  piacere, 
e al suo  appello  i mostri escono  dagli abissi.

Nonostante sembri un  paradosso, e i paradossi 
sono  sempre pericolosi, è vero  che la vita

imita l'arte più di quanto  l'arte non  imiti la vita. 
È  sempre stato  così. Il grande artista crea una

tipologia, e la vita cerca di copiarla, di riprodurla 
in  forma popolare.

In  una parola, la Vita è la migliore, la sola allieva 
dell'Arte.

La Vita imita l'Arte più di quanto  l'Arte imiti la 
Vita. La Vita porge lo  specchio  all'Arte: o  essa

riproduce qualche strano  tipo  immaginato  dallo
  scultore o  dal pittore, o  realizza di fatto  ciò  che

nella finzione è stato  sognato. Scientificamente 
parlando, la base della vita - l'energia della vita,

come la chiamerebbe Aristotele - è semplicemente il
desiderio  di esprimersi, e l'arte ci presenta

continuamente molteplici forme attraverso  le quali 
l'espressione può  realizzarsi. 
La vita si 
impossessa di esse e le usa anche se
le possono  recare danno.

Che cosa è la Natura?Non  è la grande madre che
ci ha generato. È  una nostra creatura. 
È 
nella nostra mente che essa prende vita 
subitanea. Le cose esistono  perché noi 
le vediamo. Quel che vediamo  e come
lo  vediamo  dipende dalle arti che ci 
influenzano. Guardare qualcosa è, molto  
diverso  da vedere qualcosa. 
Non  si vede nulla se non  si vede la 
bellezza della cosa.

Allora, e solo  allora, essa acquista esistenza.

L’Arte non  esprime nient'altro  che se stessa. 
Questo  e il principio  della mia nuova estetica.

Ed  è questo, più che la connessione vitale fra
 forma e contenuto  che rende fondamentale la

tipologia di tutte le arti.

L'Arte più alta rifiuta il fardello  dello  spirito  
umano, ottiene di più da un  nuovo  strumento,

da una nuova materia che da un  qualsiasi 
entusiasmo  per l'arte, da una suprema passione, 
da un 
grande risveglio  della coscienza umana.

Vita e Natura possono  a volte essere usate come 
materia prima dell'Arte, ma prima che esse

diventino  di vero  aiuto  all'Arte devono  esser 
tradotte in  convenzioni artistiche. Nel momento

in  cui l'Arte rifiuta il mezzo  immaginativo, essa
rifiuta tutto.

Che la Vita imiti l'Arte molto  più di quanto  l'Arte
imiti la Vita è dovuto  non  solo  all'istinto

imitativo  della Vita, ma al fatto  che lo  scopo  
cosciente della Vita è quello  di trovar  espressione,

e che l'Arte le offre alcune bellissime forme 
attraverso  le quali essa può  metter in  pratica 
la sua 
energia. Ne segue, come corollario, che 
anche la Natura esterna imita l'Arte. 
Le sole impressioni che essa ci mostra sono
quelle che già abbiamo  visto  attraverso  la poesia
o  la pittura. Questo è il segreto  del fascino  
della Natura, così come la ragione della sua
debolezza. 
La rivelazione finale è che la Menzogna, 
il raccontare cose bellissime e false, è lo  scopo
principale dell'Arte.


Che risulti evidente una manipolazione digitale  
successiva della immagini,  ritengo  sia assoluta-

mente  irrilevante  nell'economia  di  questo  mio 
lavoro  fotografico.  Mi  interessava  dare  esatta-

mente  quell'effetto  che non  escludo  possa 
risultare  ad  un  primo  sguardo  vagamente
artificioso.

Ho  lavorato  tantissimo  sul contrasto,  
sulla  luminosità  e  sulla  tonalità  del colore
che  ho  aggiun
to  in  fase di post  editing alle foto.

Più  d'uno  mi  ha  detto  che  le  nuvole  son  
troppo  in  primo  piano,  e  prevalgono  troppo
sulle 
mura dell'antica città. Forse... ma non  è
affatto  scontato  che la casa o  le antiche mura 
della città siano  il soggetto  delle foto, come 
potrebbe apparire di primo  acchito.

Capisco  che possa dar  fastidio  come percezione
ma, essendo  una percezione, è una questione

del tutto  soggettiva a mio  avviso.

Quando  lavoro  alle mie foto  mi fermo  nel
momento  in  cui io  provo  l'emozione più forte.

Non  mi preoccupo  affatto  di quel che potrebbe
pensare un  esperto  di fotografia o  un  critico.

Non  se è l'atteggiamento  giusto, ma so  che non
potrei averne un  altro.

Per  quel che  io  penso  a riguardo,  mi ritengo
fortunato.  Ovvero, riesco  ad  avere quello  che  io

ritengo   sia  l'atteggiamento   giusto   in   maniera
del  tutto   naturale.  Del  resto,  è  quello   che  mi

permette di fare quelle che un  fraterno, un  caro
amico  ha definito 
devo  dire mi piace, e rientra 
nelle mie intenzioni in  effetti.

Ciò  che  intendo  dire  è  che  far  prevalere  la  
nuvola  in  maniera  ossessiva,  pone  chi  guarda  
di 
fronte  ad  una  scelta:    eliminare  il  contesto  
o  tenerlo  dentro,  pur  non  potendo  fare  a  
meno  di considerarlo,  visto  il  suo  valore  da  
un  punto  di  vista  storico,  perchè  la  nuvola  
fa  troppo  da protagonista.

È  esattamente l'interrogazione che avrei voluto
si ponesse chi avrebbe guardato  queste foto.

E  allora può  darsi davvero  che le nuvole 
prevarichino  troppo  il resto.

Ma credo, ripeto, sia questa una questione 
puramente soggettiva.

Comprendo  che  chi guarda  avrebbe  maggior
godimento  se  gli fosse  concesso  di passare  alla

nuvola senza che qualcuno  - nel caso  specifico  
il sottoscritto  - lo  accompagnasse.

Ma  volevo  che  egli  subisse  la  medesima  
fascinazione  che  io  subii  io  il  giorno  in  cui
mi recai 
nel sito  archeologico  di Novi Velia 
per  fotografare i resti delle antiche mura delle 
città e dovetti gioco-forza arrendermi al sublime
spettacolo che mi si offriva volgendo  il mio  
sguardo  al cielo.

O,  in   altre  parole,  dovetti  non   solo   prendere
atto   della  mia  Arresa  al  Sublime  -  sublime

arresa!- ma volli anche immortalarla a

Rosario  Tedesco


Oscar  Wilde, da "Il Declino  della Menzogna: 
Una Protesta", 1889

Ergo,
 quel che deve fare un  fotografo, come ogni 
altro  artista,  è creare delle  cose belle, e non

necessariamente  ritrarre  il  più  fedelmente  
possibile  delle  cose  belle  per  restituirne  la  
Bellezza 
oggettiva.  Per  la  semplice  ragione  che
l'idea  stessa  di  bellezza  oggettiva  non  può  far
capo  nessun  principio  assoluto  o  dato  una
volta per  sempre.

Egli, quindi, non  deve restituirci la bellezza in  
 - concetto  astratto  almeno  quanto  lo  è il suo

esatto  opposto  -  che  hanno  i soggetti che  
ritrae  -  ma  deve  comunicarci attraverso  il 
linguaggio 
che usa attraverso  le Immagini quale 
è la Sua Idea di Bellezza.

Altrimenti, almeno  a mio  parere, non  è un  
artista, ma solo  un  fotografo.

Un  artista è a priori e, direi, per definizione stessa,
un  manipolatore.

Un  fotografo, quindi, perché sia anche un  artista, 
dev’essere un  manipolatore.

Ora, che la manipolazione egli la eserciti al 
momento  in  cui fa lo  scatto  o  in  quello  
successivo 
nel  quale  visiona  la  foto  che  ha
ottenuto  e  valuta  come  e  cosa  può  fare  per
migliorarla  perché essa  rispecchi  il  più  
fedelmente  possibile  la  Sua  Idea  di  Bellezza,  
a  mio  parere,  non  fa  alcuna differenza.

Mi sbaglierò, ma è esattamente quello  che penso.

Credo  che nell’Arte il fine giustifichi sempre 
e comunque. 
Anche  perché  il  fine  è  tutto  quello
che  resterà  nonché  sopravvivrà  non  solo  
all’artista,  ma anche  e  soprattutto  a chi lo  
ha criticato  in  positivo  o  in  negativo  
per  la  sua  tecnica  di lavoro,  chi ne ha 
decretato  il successo  o  a chi lo  ha stroncato,  
a chi lo  ha adulato  o  a chi lo  ha disprezzato,  
ed  anche  a  chi  come  me  ha  tentato  di  
teorizzare  su  chi  abbia  ragione  o  torto  
in  questa eterna diatriba.

Rosario  Tedesco, “Dell'Aura e Dell'Arte 
della Manipolazione”


Estratto  da “Wikipedia”

L'Estetica del Sublime studia il fenomeno  in  
relazione agli effetti che l'opera esercita sull'ani-

mo  umano, anziché occuparsi della sua intrinseca
natura. È  un'estetica che supera la concezio
ne 
tecnicista del Bello  e la sua aspirazione a definire
canoni oggettivi. Il Settecento  è il secolo  in

cui il concetto  di Sublime venne posto  tra le 
questioni fondamentali dell'estetica. 
Tale ricerca 
sarà sviluppata in  modo  organico
nel XVIII  secolo  da Edmund Burke, che nel 1757
pubblica il trattato  "Indagine sull'origine delle
nostre idee di sublime e di bello”, sostenendo  
per la prima volta il primato  del Sublime sul Bello.

Nell'idea di Burke il concetto  di Sublime è 
correlato  e contrapposto  a quello  di Bello. 
È 
Sublime "Tutto  ciò  che può  destare idee di 
dolore e di pericolo, ossia tutto  ciò  che è in  un

certo  senso  terribile o  che riguarda oggetti 
terribili, o  che agisce in  modo  analogo  al terrore", il

sublime può  anche essere definito  come 
"l'orrendo  che affascina". 
La natura, nei suoi aspetti 
più terrificanti, 
come mari burrascosi, cime innevate o  eruzioni 
vulcaniche, diventa dunque la fonte del Sublime
perché "produce la più forte emozione che l'animo
sia capace di sentire",

un'emozione però  negativa, non  prodotta dalla
contemplazione del fatto  in  sé, ma dalla

consapevolezza della distanza insuperabile che
separa il soggetto  dall'oggetto.

poi grazie all'esperienza del sublime la propria 
superiorità: in  quanto  unico  essere del creato

capace di un  agire morale, egli è collocato  al di
sopra della natura stessa e della sua grandiosità.


 

 

Casella di testo: SurrenderCasella di testo: BiennaleCasella di testo: [To
Casella di testo: The]Casella di testo: SublimeCasella di testo: BioRiallacciandomi a quanto  finora evidenziato
appare più  chiara la spiegazione delle  foto  da me
stesso  fornita nella scheda tecnica dell'opera fra
queste  che  è stata scelta perchè fosse  esposta a

Pontecagnano   Faiano   nell'ex  tabacchificio 
Centola.  Luogo   dove  ha  sede  il  Padiglione  
Italia 
della  54.  Esposizione  Internazionale  
d'Arte  della  Biennale  di  Venezia  nell'ambito  
della  mostra denominata  "Lo  Stato  dell'Arte:
Campania"  che  è  stata  inaugurata  il 29  
settembre  del 2011  e  si protrarrà fino  al 10 
gennaio  del 2012, a cura di Vittorio  Sgarbi.

La  foto  ritrae  parte  di  una  delle  porte  
dell’area  archeologica  di  Novi  Velia  che  
si  apre  come 
un  sipario  su  di  un  cielo  
denso  di  nubi  bianche  minacciose.  
Il  tema  centrale  della  foto  è  l’abbandono  a  
cui  (si  con)cede  chi  parte  con  l’intenzione  di
fare  delle  mura  della  città  il  soggetto

della  foto  e  finisce  per  arrendersi  al  Sublime
spettacolo   che  gli  viene  offerto  in  quell’istante

dalla Natura che  opera una fascinazione  
superiore  a quella pur  visibile,  palbabile 
ed  ineluttabile 
del  Tempo  che  ha  agito  
su  quelle  pietre  che  di  fatto  rappresentano  
una  delle  ultime  testimonianze ancora 
integre e intatte di una città fondata nel 540 A.C.

  

Se  posso  aggiungere  una  ulteriore  
considerazione, ritengo  in  tutta franchezza
-  mai disgiunta a
ll'umiltà - che la più 
intima bellezza di queste foto  stia nel 
contrasto  tra la sensazione di Eterna Pace
tramandata dalla pietra e l’irrequietezza che
trasuda dalla forma dinamica delle nubi che vi

si  precipitano  addosso,  fotogrammi  di  silenzio
e  attesa  che  già  pregustano  il  sapore  agro  dello
scontro, dipingendo  sfumature minacciose in  
allegorie di presagi.

O  almeno  tale è la mia percezione a riguardo.

Non  credo  nella  parafrasi  della  Ragione  
Artistica,  poiché  infinita,  ignota  persino  
all’artista  
comunque intraducibile.

Al  di    di  questo,  da  sempre  mi  dona  
piacere  il  contrasto  continuo  che  c'è  tra  
apollineo  
dionisiaco  che io  personalmente
rilevo, tra le altre cose, anche in  queste foto.

Da un  lato  l'abbandono  al cospetto  della 
maestosità delle nuvole e dall'altro  la certezza
di una data, quella dell'Apocalisse.


Contacts & credits

E-mail:      rosariotedesco@hotmail.it

Tel.:        3471950211      3336144841

Facebook:   Rosario  Tedesco  
[The Catcher In  The Sky]

Grazie a: Cristina Orrico, Giuliana Raimondo, 
Fondazione Alario, Foto  Extracolor Salerno,

Prof. Pasquale Persico, Francesca Ludovico, 
Roberto  Vitolo, Nicola Arrighi, 
Vittorio  Sgarbi.

............................................................................................... 

Biografia Essenziale


Fino all’età di 27 anni ha svolto saltuariamente diversi lavori di manovalanza che ha abbinato all’attività di musicista e di cantante di blues esibendosi nei locali notturni del salernitano e dintorni.

In questi anni ha coltivato la sua passione per le lettere e la filosofia leggendo in maniera onnivora e stacanovistica tutto quello che si è sentito chiamato a leggere, tra cui le opere omnie di Shakespeare, Wilde, Proust, Schopenhauer, Kafka, Camus, Cioran, e Carmelo Bene, fino a provarsi anch’egli come scrittore, e scoprendo di avere quella che viene comunemente detta vocazione.

Per ognuna di queste letture ha prodotto un’opera parallela ed, in un certo senso, critica s-montando e ri-montando letteralmente i libri dei suo autori prediletti per partorirne degli altri a cui apponeva la sua firma accanto a quella dell’autore, preda dell’ossessione-illuminazione della Sintesi, ergo, di doverle liberare dal “superfluo”, nonostante fossero dei Classici, quindi, per definizione, Intoccabili.

Dal 2002 al 2004 ha curato la pagina della cultura in due giornali diffusi nel Pontecagnanese, sua terra d’origine, Il Ponte e Diogene, occupandosi in modo specifico di poesia nell’uno e di filosofia nell’altro, entrambe legate al territorio e ai luoghi che ne denotano i tratti più caratteristici e unici.

Nel gennaio del 1997 è stato assunto in qualità di custode, guardiano notturno e incaricato fiduciario presso un casolare che in via di ristrutturazione perché divenisse negli anni successivi un agriturismo.

Ciò è effettivamente avvenuto nell’aprile del 2003, ed il casolare in questione ha preso il nome di “Masseria Casella” dove egli ha lavorato fino al dicembre del 2009 sempre con la medesima qualifica.

Nei primi sei anni in cui ha lavorato in qualità di custode, data la grande quantità di tempo che aveva a disposizione, ha approfondito il suo amore per la filosofia e si è dedicato anima e corpo alla scrittura trovando un suo stile, perfezionandolo e realizzando diverse opere di stampo filosofico e letterario che non ha però mai provato a pubblicare non avendo ancora apposto a nessuna di esse la parola “Fine”.

In questi anni, ha lavorato, silenziosamente, segretamente, ininterrottamente e contemporaneamente a dieci romanzi epistolari autobiografici, a sedici raccolte di pensieri, riflessioni, aforismi, massime, sentenze, istantanee, idee, citazioni, frasi memorabili, lettere, messaggi, diari, frammenti di dialoghi appuntati ed archiviati con meticolosa cura, ed a diverse opere brevi in buona parte di stampo saggistico.

Attualmente sta lavorando al diciassettesimo di questi nonché ad altri 8 testi, tra saggi, raccolte di saggi, aforismi, e pensieri, raccolte di lettere e di messaggi non inviati, e l’ennesimo romanzo epistolare autobiografico, ad ognuno dei quali ha posto la parola “Fine” solo in via provvisoria.

Nei sei anni successivi si è sempre più avvicinato al mondo di internet fino a decidere di utilizzarlo come veicolo per imporsi all’attenzione dei più in quanto filosofo dilettante, e autore di un’opera alla quale ha lavorato in segreto per tanti anni ed alla quale lavora tuttora.

Pian piano questo suo interesse si è trasformato in passione ed ha iniziato ad avere sempre più dimestichezza col linguaggio HTML fino a costruirsi da solo nel giugno del 2007 il template di un blog dal titolo La Voce di Narciso, con il quale ha riscosso un discreto successo che è andato sempre più aumentando col tempo fino a dargli una certa notorietà nel web, e non solo, convogliando in quest’attività tutte le passioni e le competenze che ha acquisito, coltivato e maturato negli anni nei quali la Ricerca del Vero e del Bello sono stati i principali cardini su quali ha impostato la sua vita.

Parallelamente ha coltivato la sua passione per la fotografia, che ha unito all’apprendimento di programmi di manipolazione digitale delle immagini, su tutti Photoshop e Jasc Paint Shop Pro.

Nel gennaio del 2004 è stato contattato e poi successivamente ricevuto da Vittorio Sgarbi, il quale, avendo letto la sua storia attraverso una lettera che gli aveva inviato e alcuni stralci della sua opera filosofica si è interessato al suo caso ed ha voluto stringere amicizia con lui.

Da allora si tiene in contatto con costui, non solo per informarlo della sua opera, ma anche per via di una battaglia che condivide con lui: quella che riguarda la protezione e la salvaguardia della Bellezza su tutto il territorio nazionale, segnalandogli all’occorrenza chi minaccia di deturparne e sfigurarne i luoghi più belli e caratteristici, quelli che fanno dell’Italia una vera e propria nazione-monumento.

Nel 2007 ha interpretato nel ruolo del protagonista “Codice Egizio” un film-documentario improntato sulla figura del Conte di Cagliostro e sulla Napoli misterica, con la regia del giornalista salernitano, fotografo, nonchè studioso di esoterismo e di magia, Mariano Iodice.

Nel settembre del 2011 è stato aggiunto in extremis alla rosa degli artisti che esponevano alla Biennale d’Arte Contemporanea nel Padiglione della Campania adibito nell’ex tabacchificio Centola di Pontecagnano nella sezione fotografia, nell’ambito di una mostra denominata “Lo Stato dell’Arte in Campania” per volere di Vittorio Sgarbi il giorno stesso in cui ha preso visione di una serie di foto realizzate nel sito archeologico di Velia - l'antica Elea - nelle quali, a dispetto di quanto possa apparire ad un primo sguardo gettato alle foto, protagonista indiscusse sono le nuvole che sovrastano le antiche mura di una città fondata nel 510 A.C, e che sono e restano il soggetto in assoluto da egli prediletto.

Tra le altre cose, in un delirio di onnipotenza, di autoreferenzialità e di autocelebrazione che, del resto, non ha mai rinnegato né sminuito più di tanto- seppur lo abbia fatto - alla fine del 2002, ossia, a conclusione di quello che ha definito – facendo eco a Leopardi - il Tempo degli Scritti “Matti e Disperatissimi”, si è del tutto arbitrariamente autoassegnato la Laurea Honoris Causa in Filosofia dell’Esistenza - senza, del resto, informarne nessuno - con la seguente motivazione:

 

Per l’Ostinazione, la Perseveranza e la Facoltà Disumana con le quali ho saputo richiamare, decifrare, illustrare, elencare e immortalare una volta per una tutte a Futura Memoria le Verità alle quali la il Caso, le Circostanze e il Destino mi hanno consentito di accedere, prelevandole dall’Unica Fonte dalla quale (non solo per me ma per chiunque altro) è possibile attingere Vera Conoscenza, consultando il solo Libro che (non solo a me ma a chiunque altro) è dato di leggere (o rileggere che dir si voglia) – indifferentemente dal fatto che si scriva o che si legga nel corso della propria vita o che si abbia intenzione di fare l’una e l’altra cosa una volta Illuminati - spinto da null’altro che dal desiderio e dalla necessità di farlo:

 

Me Stesso

 

Per aver imparato (ed essermi disfatto di) ciò che so.

Per esser diventato (ed essermi disfatto di) ciò che sono.

Ritrovando Tutto il Tempo Perduto..

Proust docet.

 

Rosario Tedesco

 

 

 

MOSTRE

 

29 settembre 2011 – 10 gennaio 2012 - ARRESA [AL] SUBLIME

54. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia 2011

Padiglione della Campania – Ex Tabacchificio Centola - Pontecagnano-Faiano

 

8 dicembre 2011 – 8 gennaio 2012 – ARRESA [AL] SUBLIME

ICE CAMP – Fornace dell’Ex Salid – Parco dell’Irno - Salerno

 

10 febbraio – 16 febbraio 2012 – [CONDI]VISIONI CARAVAGGESCHE

BAR CAPRI – Battipaglia

 

17 febbraio – 25 febbraio 2012 – [CONDI]VISIONI CARAVAGGESCHE

NAVAJO PUB – Battipaglia

 

29 febbraio – 29 aprile 2012 – [CONDI]VISIONI CARAVAGGESCHE

ICE CAMP – Sala Espositiva Comunale – Cava De Tirreni

 

5 marzo – 21 aprile 2012 – ARRESA [AL] SUBLIME

FONDAZIONE ALARIO per Elea Velia – Sala Gaetanina Alario – Ascea

..................................................................................................

Eventuali proposte di lavoro per Rosario Tedesco
o progetti fotografici, contattare alla mail di questo sito ...

...................................................................................................

ARRESA AL SUBLIME Svolta in Immagini dal "Mercurio" Rosario Tedesco [di Angela Furcas]




 Che una mostra di foto possa illustrare un pensiero, una profezia e dare corpo ad una condizione, lentamente e silenziosamente cresciuta nel ventre del mondo è possibile!

   Ecco l’ecografia di un nuovo mondo: ci sembra difficile che un vivente porti un’altra vita dentro di sé? Vediamo ogni giorno che la Donna sgrava un essere simile a se stessa, perché il mondo non dovrebbe farlo?

   L’universo è gravido di mondi.

   Ogni giorno, ogni ora nascono dei viventi da altri viventi e perché da questa terra e da questo cielo non dovrebbero nascere, dopo lunga gestazione, un’altra Terra ed un altro Cielo?

   Ora la Terra è in doglie e si sa che più esse incalzano, più ci avviciniamo alla Gloriosa Rinascita!

   Sentiamo tutti che una rivoluzione è in atto e ch’essa prelude a un grande cambiamento, un cambiamento epocale.

   Non dobbiamo temere: è inevitabile che tutto questo accada!

   Restiamo sereni: ciò ch’è stato profetizzato non è altro che quello che Dio ha pianificato, infatti è scritto ch’Egli non fa nulla senza avvertire prima i Suoi Servi, i Profeti.

   Le Loro celesti acquisizioni entrano in circolo e allertano lo Spirito che scorre nel sangue e quell’inquietudine che ci attraversa viene dal nuovo concepimento tra l’Umano e il Divino, concepimento a livello planetario perché coinvolge ogni atomo.

   Siamo tutti partecipi della Vita Universale e quando ci coglie il senso di questa universalità restiamo sgomenti, come i piccoli che la madre spinge dal bordo del nido, perché imparino a volare e scoprano la forza delle loro ali e la capacità di affrontare nuove sfide.

   Il Nuovo Mondo lo vedremo tale quando la nostra visione sarà mutata, quando la misura di questo sarà colma e tenderemo, spasmodicamente, al Nuovo.

   Ecco, sono nelle nuvole i prodromi del Ristabilimento: per alcuni minacciosi, per altri inizio del mutamento della vecchia pelle della Terra, del Cielo e di tutti corpi, ma soprattutto del loro interno.

   Una rugiada li rivestirà e canti s’innalzeranno e gli uomini sentiranno contemporaneamente la loro voce interiore alzarsi dal petto, antico maniero ove dimorava lo Spirito dell’Era precedente per lasciare il passo al Nuovo.

   Qualsiasi cosa facciamo, l’insoddisfazione segue ogni atto, non sarà più così perché entreremo nell’Era della Certezza. Svanirà ogni timore, ogni titubanza, ogni possibilità di errore, ogni controversia, ogni malattia.

   Ognuno saprà che sta facendo la cosa giusta, che quello che dice è compreso da tutti e sta andando nella stessa direzione del Tutto.

   Allora l’Armonia comincerà a dare i suoi frutti, perché ognuno produrrà la nota giusta nel Concerto dell’Universo, che tenderà l’orecchio ai vagiti di questo Nuovo Mondo e se ne rallegrerà.

   Solo quando il vecchio sarà passato si vedrà la Luce del Nuovo, quando le Dispensazioni del passato giaceranno accartocciate, irriconoscibili, si volgerà lo sguardo alla Luce che viene da Oriente e lo stabilirsi della Nuova Gerusalemme, che scende dal Cielo e allora il potere tornerà nelle Mani dell’Unico, il Solo Unico, Creatore dei Cieli e della Terra che elabora la Sua Creazione, secondo il Suo Volere.

   Volere conoscibile attraverso i Suoi Messaggeri che ne anticipano il futuro svolgimento.

   Se appena potessimo conoscere un barlume della Grande Luce che incombe sul futuro dell’umanità accetteremo la tragedia che la precede.

   Tragedia necessaria, imminente, che vuoterà l’oceano delle false illusioni perché le Acque cristalline di una Nuova Grande Rivelazione hanno irrorato ogni atomo della Creazione.

   È già in azione questo Rinnovamento, ognuno ne è partecipe in misura consona alla propria ricettività.

   Il Nostro Artista ne ha svelato il divenire nelle Sue foto così esplicative.

   Egli è Messaggero del ripiegamento di tutte le ere trascorse e del dispiegarsi del bagliore incredibile, che avanza a grandi passi della Nuova Era.

   Oh, Testimoni della Luce di ogni Era, fedeli al Supremo, non siete stati creati che per rendere testimonianza a questo Giorno!

   E Voi che ascoltate, non siete tornati che per essere veraci testimoni dinanzi alla storia, di questo    Rinnovamento epocale, l’avete accettato nella vostra preesistenza e ora vi viene confermato che tutto sarà travolto prima di essere ricreato.

   La vostra vita è chiamata ai fasti di questa Rigenerazione che né il dolore, né il sangue, né l’orrore delle forze reazionarie potrà minimamente invalidare.

  Schiere e schiere di Martiri hanno gettato la vita su questo Sentiero, dagli albori della rielaborazione di Questa Creazione.

   Educatori sono stati inviati, traditi, perseguitati, immolati, perché non hanno arretrato di un passo dinanzi all’onore della testimonianza all’Altissimo e tutto in funzione di questo Giorno, senza precedenti, oscurato da nubi minacciose: preludio all’infusione totale della Luce.



Tempo sprecato per la cultura (wasted time for culture)  
   
Button "Mi piace" Facebook  
   
Pubblicitá  
   
Guida al sito (Guide to the site)  
  Ogni giorno, quasi, il sito Vi propone qualcosa. Quindi continuate a visitarlo.... se potete... regolarmente. VOTATELO!!!!
IN CONTINUA EVOLUZIONE.
 
Le pagine (pages)  
  Secondo il titolo della pagina... l'argomento inserito è generalmente ... unico.
Ma le pagine non sono statiche. Variano con aggiunte.

N.B.
Il materiale inserito è scaricabile, ma ricordatevi di CITARE la fonte.
....................................................
DIRITTI D’AUTORE – COPIARE È REATO!

Questo blog è dedicato alle mie poesie e alla cultura , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione.
Molte immagini e notizie sono state prelevate dal Web. Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare e saranno eliminati immediatamente. Grazie!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
 
AIUTI E CONSIGLI (help and advice)  
  Per ogni vostro suggerimento e/o aiuto vi ringrazierò perché è prezioso... per la cultura.
Datemene... e avvicinatevi al sito con tanta tranquillità.

tel. 347 6608889


domenico.ruggiero06@alice.it
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=
347 6608889