domenico.ruggiero06@alice.it
 
www.domenicoruggiero.it.gg
Poesie, aforismi, filosofia, foto del mondo, concorsi, matematica, personaggi, UFO.  
  HOME (biografia + extra)
  AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 4
  Poesie e Racconti di D.R.
  Poesie e Racconti di D.R. - 2
  NEL NOME DI DIO (14-8-2013)
  Le fonti di energia effimera (22-8-2013)
  CONCORSI POESIA
  GALLERIA FOTO
  IL MONACHESIMO FEMMINILE NEL MEDIOEVO (F. Squeo - 13-10-2013)
  ARTICOLI di VARIA NATURA
  ARCHIVIO (25-4-2013)
  => Giorgio Napolitano (ENCOMIO - 02-2012)
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non)
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 2
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 3
  => EXTRA di Mimmo
  => Libri e Recensioni 1 di D.R.
  => Libri e Recensioni 2 di D.R.
  => Libri e Recensioni 3 di D.R.
  => Trattato Filosofico sulla Poesia (di D. Ruggiero - 28-03-2012)
  => In Nome Della Bellezza (Stefano Zecchi 26-03-2012)
  => F. NIETZSCHE (11-04-2012)
  => A. SHOPENHAUER (di carlotta ricci 11-04-2012)
  => M. Heiddeger (1 - di Diego Fusaro 11-04-2012)
  => M. Heiddeger (2 - di Diego Fusaro 11-04-2012)
  => GADAMER. Il linguaggio dell'essere (di Michele Lasala - 16-05-2012)
  => Jean-Paul SARTRE (a cura di F. Squeo - 21-05-2012)
  => Albert SCHWEITZER (05-10-011)
  => L'eterna Malattia Del Male di Vivere (di Michele Lasala - 16-05-2012)
  => PENSIERO come Potenza (di Fabio Squeo - 17-05-2012)
  => Alfred ADLER. La conoscenza dell'uomo (27-6-2012)
  => Leibniz e D. Ruggiero (di D. Ruggiero 13-08-011)
  => Henri BERGSON. IL suo Pensiero (27-6-2012)
  => WAGNER E LA DONNA (12-2-2013)
  => ERNST BLOCH (a cura di Remo Bodei - 14-10-2012)
  => WAGNER E LA SPEZIA: IL „PRELUDIO‟ DI UN FESTIVAL EUROPEO (12-2-2013)
  => DIO è rinato . M.M. (a cura del CLSD - 4-7-2012)
  => AMNESTY International (10-04-2012)
  => Prospettive di Democrazia (di Vito A. Girardi - 26-05-2012)
  => POESIA. ESISTENZA. CRISI (a cura di Domenico Ruggiero - 14-10-2012)
  => IL 2013 ANNO DANTESCO DELLA DONNA (12-2-2013)
  => Come ridare sapore alla carne? SOS carnalità (di Michele Radogna - 04-06-2012)
  => LA TOLLERANZA è "OLTRE I LIMITI" (di D. Ruggiero - 22-8-2012)
  => AMOROSA SAPIENZA (di Elisabetta Landi - 06-06-2012)
  => LECTURA DANTIS (da F. Brugnoli - 06-06-2012)
  => Pier Paolo PASOLINI (a cura del CENTRO LUNIGIANESE DI STUDI DANTESCHI - 4-08-2012)
  => LA GERARCHIA e la ricerca del vero (a cura del CLSD - 16-10-2012)
  => LA PARTICELLA DI DIO E' IL MUONE (A CURA DI D. RUGGIERO - 4-7-2012)
  => I tre livelli dell’ontologia parmenidea. Massimo Pulpito (22-07-2012)
  => IL carattere trascendentale del Filosofare (di G. Zuppa - 12-11-2012)
  => Chi è Gustavo Bontadini (a cura di Diego Fusaro - 7-8-2012)
  => Gilles Deleuze (1925-1995). Fabio Treppiedi. (22-07-2012)
  => Nuovo costituzionalismo e multiculturalismo (di Vito Antonio Girardi - 18-06-2012)
  => L’ARTE MODERNA. Meyer Schapiro. (22-07-2012)
  => L'orizzonte degli eventi. Cristò Chiapperini. (a cura di E. Simonetti - 22-6-2012)
  => Qualcuno ancora RiFlette (la luce...) (20-10-2012)
  => I DIVERSI (24-10-2012)
  => A SUA IMMAGINE (Studi Esoterici a cura di Umberto de Palma - 29-10-212)
  => Chi è Antonio Rosmini? (2-4-2013)
  => Tito Cauchi vs Ruggiero - Premio Polverini (20-07-2012)
  => Le parole silenti di Dio (di Michele Lasala - 17-06-2012)
  => da Fabio Squeo (vs Martin pescatore - 02-06-2012)
  => da Roberto Sicilia (29-02-2012)
  => da Nunzia Pasculli (13-09-011)
  => dalla poetessa Elisabetta Morotti (04-04-011)
  => di Rita Occidente Lupo (04-02-011)
  => RECENSIONE. FRANCESCO SICILA (26-07-2012)
  => Il sito di D. R. (visto da Occhi Di Argo - 29-3-2013)
  => Aforisma di Domenico Ruggiero (critica di F. Squeo - 22-9-2012)
  => ENERGIA DELLA MENTE di D. R. (critica di Michele Lasala - 24-9-2012)
  => Riflessioni sul valore della poesia (a cura di N. Pasculli - 20-10-2012)
  => INTERVISTA a D. Ruggiero (di Katia Belloni - 13-11-2012)
  => Omaggio a Domenico Ruggiero (poesia di F. SQUEO - 18-9-2012)
  => Omaggio a Domenico Ruggiero (poesia di R. Sicilia - 20-09-2012)
  => Mr ZEUS colpisce ancora (libro di poesie di D. R. - 29-11-2012)
  => La poesia di Antonietta GNERRE (14-10-011)
  => La Poesia di Enza Capocchiani (9-8-011)
  => La Poesia di Eugenio Panaro (16-08-011)
  => La Poesia di Carlo Scarola (11-10-011)
  => L'Anima profonda di E. MELOZZI (18-08-011)
  => La Poesia di Domenico Cipriano (18-12-2011)
  => Katia Belloni (01-11-2012)
  => IL poeta Filippo Accrocca (17-4-2013)
  => IL MOSTRO (di D. Ruggiero - Fantacalcio - 13-09-011)
  => Sull'importanza del DONARE (05-04-2012)
  => Teoria della Vita (di D. Ruggiero 07-09-2011)
  => Il Pensiero di Archimede e Pitagora (di D. Ruggiero 12-08-011)
  => I TEMPLARI (03-10-011)
  => Collaborazioni (di D. Ruggiero - con Roberto Sicilia)
  => VIRTU' e VIZI (a cura di D. Ruggiero - 13-08-011)
  => AVVISO AI NAVIGANTI (di D. Ruggiero - 23-5-2011)
  => L'Evoluzione.... lentamente (di D. Ruggiero)
  => Il Pensiero di R. Sicilia (a cura di D. Ruggiero - sintesi - 10-08-011)
  => La Pietra della Giovinezza (Anonimo - 9-8-011)
  => La Giustizia di Dio.... arriva! (di D. Ruggiero 08-08-011)
  => TESLA Nikola l'extraterrestre (2-10-011)
  => OTTAVIA PICCOLO (omaggio)
  => Chi è LORENA BIANCHETTI ? (19-05-2012)
  => Chi è FERDI BERISA ? (19-05-2012)
  => Chi è LADRI DI CARROZZELLE ? (20-05-2012)
  => Rivista NEWTON (da dicembre 2011)
  => Lo SAPEVATE che... (17-10-011)
  => Tutto sull'ODE (28-08-011)
  => 10o ANNIVERSARIO - BAR ERVIN 24h-24h (di D. Ruggiero BT - 24-7-011)
  => Anniversario Circolo Unione (di D. Ruggiero BT - 6-08-011)
  => AUTO BLU (di D. Ruggiero - sprechi dello Stato...7-8-011)
  => Le 3 SCIMMIETTE (di D. Ruggiero - politica commerciale 01-08-011)
  => I TEMERARI (a cura di D. Ruggiero 19-08-011)
  => LA MUSICOTERAPIA (di V. Miranda 19-12-2011)
  => VIVERE CON LENTEZZA (di D. Ruggiero 18-01-2012)
  => L'invisibilità (Spazio-Tempo) (di V. Caiani 17-01-2012)
  => LE ECCELLENZE DEL MONDO (12-12-2008)
  => Chi agisce e chi si lamenta: quale differenza? (a cura di G. Marsala 15-05-2012)
  => Differenza tra Leader e Followers (di G. Marsala - 04-06-2012)
  => IL FUMO (di Eliana Stendardo - 1-8-011)
  => IL GINEPRO (del dr. C. Origlia - 29-09-2011)
  => Le Diete e le intolleranze alimentari (del dr. F. De Ruvo - 13-10-011)
  => La Ricerca del Sonno (di D. Ruggiero 26-10-2011)
  => IMMAGINI dal Mondo - (15-09-011) - 1
  => IMMAGINI dal Mondo - 2
  => IMMAGINI dal Mondo - 3
  => IMMAGINI dal Mondo - 4
  => IMMAGINI dal Mondo - 5
  => IMMAGINI dal Mondo - 6
  => IMMAGINI dal Mondo - 7
  => IMMAGINI dal Mondo - 8
  => Lettere d'encomio
  => ARTE NELLA SABBIA (13-12-2011)
  => LA BELLEZZA Degli Uccelli (13-12-2011)
  => I FIORI DEL LOTO (14-12-2011)
  => IL Bello SOTT'ACQUA (14-12-2011)
  => PROIEZIONI STEREOGRAFICHE (14-12-2011)
  => TIPI DIVERSI DI CULTURA (14-12-2011)
  => SIMPATICI ANIMALI (15-12-2011)
  => ILLUSIONI OTTICHE - PUZZLE (14-12-2011)
  => I DESERTI (14-12-2011)
  => I FIORI (16-12-2011)
  => Manipolazioni SURREALI DIGITALI
  => GRAFICHE SFERICHE (16-12-2011)
  => FONTANA SPETTACOLO A BARCELLONA (16-12-2011)
  => I RAGGI SEGRETI DELLA LUCE (16-12-2011)
  => LA FONTANA MAGICA DI KRIZIK a PRAGA (17-12-2011)
  => FONTANA IN FIDENZA (PR) (17-12-2011)
  => FONTANA in GUINEA EQUATORIALE (17-12-2011)
  => FONTANA DI DESIO (17-12-2011)
  => LUNGOMARE di BARI (17-12-2011)
  => FONTANA a JOLANDA di SAVOIA (17-12-2011)
  => SPORT: MOMENTI INTENSIVI (17-12-2011)
  => VIDEO Giorgio Bongiovanni
  => VIDEO - intervista RAI - TV del Gruppo Albatros
  => Centro JOBEL (21-07-011)
  => Giorgio Bongiovanni a Polignano a mare (10-12-2011)
  => W.A. Mozart Concert in re min. K.V. 466
  => VIDEO SU NIETZCHE AL BAR ERVIN (11-06-2012)(
  => Domenico Ruggiero @ Ad Amica 9_Intervista_TV (09-06-2012)
  => Michele Lasala - Youtube
  => Il coniglietto di M. Lasala (2-08-2012)
  => 3 Artisti per 3 poesie (04-11-2012)
  => David Foenkinos. Le nostre separazioni. (di Diego Zandel - 19-05-2012)
  => CONTRO LE RADICI...- Maurizio Bettini (di Sergio D'Amaro - 20-05-2012)
  => La fame delle donne. Marosia CASTALDI. (di M. G. Rongo - 30-05-2012)
  => ME CAGO NELL'AMOR (di Tonino Carotone - 04-06-2012)
  => Livio Sossi - "Cieli Bambini" (a cura di B. Tricarico - 18-06-2012)
  => Festa di Tutti i Santi (da www.partecipiamo.it - 28-10-2012)
  => Festa di Halloween (da www.partecipiamo.it - 28-10-2012)
  => Le Presbytère. Amore e morte secondo Béjart (a cura di P. Bellini - 22-6-2012)
  => La Lupa Capitolina è di origine Medievale (a cura di F. Serravezza - 23-6-2012)
  => ANCORA SUL PRESEPE, SIMBOLO DELL'UOMO NUOVO (12-2-2013)
  => Poesia in romanesco - Peppe Renzi (18-3-2013)
  => Chi è ROSARIO TEDESCO (a cura di D. Ruggiero - 27-06-2012)
  => NUNZIO DESIDERIO (Critica di F. Squeo - 17-9-2012)
  => Buona Pasqua 2013 (da Lunigiana Dantesca - 30-3-2013)
  => Chi è MICHELE di LONARDO ? (di D. Ruggiero - 20-05-2012)
  => UNA VERITA' ASSOLUTA (dal Vaticano) (26-02-2012)
  => L’AFORISMA DEL MESE (12-2-2013)
  => Chi è Maurice MAETERNICK ? (29-05-2012)
  => I MARINES sono nati nel SUD dell'Italia (02-06-2012)
  => Il Telefonino e La Scrittura (a cura di D. Ruggiero - 2-10-2012)
  => Caro LUCIO (foto e poesia di L. DALLA - 07-09-2012)
  => MONTI - poesia di Domenico Ruggiero (2-3-2013)
  => CONFRONTO FRA FRANCESCA E PIA DEI TOLOMEI (20-4-2013)
  => ILLUMINAZIONE DELLA FESTA A SCORRANO (LUGLIO 2011)
  => L'AMADRIADE (12-2-2013)
  => Intervista a Miguel De Cervantes (di Michele Lasala - 13-5-2012)
  => IL Don Chisciotte di Scaparro (di Michele Lasala - 18-05-2012)
  => MONOGRAFIA di Eleonora Cogliati (9-5-2013)
  => I Geroglifici di Fabio Squeo Pittore (14-8-2013)
  => AVVISTAMENTO UFO A TRANI (27-4-2013)
  => MATEMATICA E GEOMETRIA NELLA DIVINA COMMEDIA (CLSD - 11-8-2013)
  Titolo della sottopagina Galleria
  Links di Domenico Ruggiero
  Contatore
  Contatti
  MESSAGGIO DI ASHTAR SHERAN
  GAZZETTA MEZZOGIORNO 22-5-2016
  Elenco links
  Sondaggi d'opinione
  Toplist
  FESTA A VILLA ANZIANI STORELLI - 2016
  FESTA AL CENTRO ANZIANI STORELLI
  NOTTE DEI POETI - DOMENICO RUGGIERO 17-6-2016
  TU CHE VEDI AL DI LA' (POESIA)
  LA BELLEZZA - di FABIO SQUEO
  PREMIAZIONE LA LUCE DELL'ARTE - ROMA
  CONCORSO POESIA PIERLUIGI GRAZIANI - 2016
  CONCORSO POESIA LEIVI 2016 - CITTA' DELL'OLIO
  LIETO COLLE - IL SEGRETO DELLE FRAGOLE 2017
  IBISKOS ULIVIERI - AGENDA 2017
  PERLE QUOTIDIANE 2017 - MONTEGRAPPA EDITORE
Copyright @ opere di Domenico Ruggiero - CITARE sempre la fonte. ........................................................
DIO è rinato . M.M. (a cura del CLSD - 4-7-2012)
............................................

DANTESCA COMPAGNIA DEL VELTRO®

SAPIENZIALE

E ADESSO CI VUOLE PIU' TEOLOGIA

Oggi non ci vuole solo più Filosofia: ci vuole anche più Teologia. Oltre che fi-losofo, non era forse Dante anche un principe dei teo-logi? Precisamente, quella che ci vuole oggi è una grande Teologia: la Teologia dei Filosofi. Dopo Nietzsche la Metafisica è morta con Dio. Oggi ecco il nuovo annun-cio: Dio è rinato e con lui la Metafisica. La memoria che segue è u-na riduzione del saggio: Sul Dio dei Filosofi: elementi di Teologia Razionale tra Lo-gos, Matematica e Gnosi, («Atrium», XII/1 (2010), pp. 7-27). La proposta è quella di una dimostrazione dell‟esistenza di Dio strutturata in forma di “Inversione dell‟argo-mento di Anselmo: anziché partire dalla Perfezione, si deve far leva sull‟esatto contrario. Se esiste l‟imper-fetto, a maggior ragione (Leibniz) il Perfetto esiste. Necessariamente.

M. M.



SUL DIO DEI FILOSOFI



1. PARMENIDE, O IL PRINCIPIO FONDAMENTALE DELLA METAFISICA

Si definisce Principio On-tologico fondamentale (o Principio Primo della Meta-fisica) l‟assunto di Parme-nide (515 – 450 a.C.) per cui L’Essere è, e il Nulla non è .

A porre l‟accento sull‟im-portanza cruciale di questo postulato è stato soprattutto il filosofo contemporaneo Emanuele Severino, il quale ha con esso edificato una nuova Metafisica13. Il Principio vale a rico-noscere alla Realtà Fisica il carattere della piena ogget-tività, in quanto l‟Essere è, cioè esiste, e il Nulla non è. Ciò vale per qualunque luo-go e livello possibili della Realtà.

Severino indica che l‟affer-mazione del Principio va in-tesa in senso assoluto: se il Nulla non esiste, nessun

....................................................... Nota 13 ..............................
[E. SEVERINO, Essenza del Nichilismo, Milano, Adelphi, 1995 (ult. ed.). L‟Autore finisce per attribuire all‟errata percezione del senso dell‟Essere nel dopo-Par-menide l‟intero processo secolare del Nichilismo.]

.....................................................................................

Ente potrà mai finire nel Nulla e come tale è immor-tale14. Tuttavia questo co-rollario impone una decisiva discussione intorno alla na-tura degli Enti: anche un Uomo può essere conside-rato un Ente, oppure gli Enti sono soltanto le Monadi che lo compongono (i quark o altri elementi fondamentali), le quali, scomponendosi, ne segnano alfine il disfaci-mento mantenendo, loro so-le, una piena ed eterna in-tegrità? Per sperare di de-rivare, tramite il Logos, una Salvezza direttamente dal senso metafisico del Mondo non si può evitare di ripor-tare il discorso speculativo verso una nuova, più poten-te Monadologia15.

2. LEIBNIZ: IL PRINCIPIO DI RAGION SUFFICIENTE” E LAFFERMAZIONE IMMEDIATA DELLESISTENZA DI DIO

Uno dei principi più potenti e fondanti sviluppati nel corso dell‟intera Storia della Filosofia – parago-nabile a quanto rappresen-tato dal solo Principio d‟I-nerzia in seno al dominio della Teoria Fisica – è il

.........................................Nota 14 ............................................
[E. SEVERINO, La Gloria (2001) e Oltrepassare (2007), Milano, Adelphi.]
....................................................................................................


............................................ Nota 15 ......................................... 
[G. W. LEIBNIZ, Monadologia, 1714.]

....................................................................................................

Principio di Ragion Suffi-ciente, formulato, guarda caso, dal fondatore della Monadologia: da Gottfried Wilhelm von Leibniz (1646 - 1716)16. Dell‟importanza di questo assunto ebbe ad accorgersi lo stesso Gödel17.

Il principio impone di affermare che Se la Realtà Fisica è, è perché essa deve esistere Così, se è necessaria una Causa/Ragione per cui la Realtà Fisica esiste, allora questa Causa/Ragione, che a noi pare imperscrutabile, è Dio. Ne consegue, affatto banalmente, che Dio, in quanto Ragione per cui la Realtà Fisica esiste, esiste necessariamente In realtà l‟argomento non è da sé sufficiente, nel senso che non vale da sé a di-mostrare l‟impossibilità del dominio panteistico, cioè il Dio come il tutto. La di-mostrazione della sua cor-rettezza generale la si può ottenere soltanto tramite l‟introduzione del concetto di Perfezione.



3. ANSELMO D’AOSTA: LIDEA DELLA PERFEZIONE E LA DIMOSTRAZIONE A PRIORI DELL’ESISTENZA DI DIO.



........................................... Nota 16 ........................................... 
[G. W. LEIBNIZ, Principi razio-nali della Natura e della Grazia, 1714.]

........................................................................................................

 

............................................. Nota 17 ....................
 [K. GöDEL (1906 –1978), La prova matematica dell‟esistenza di Dio, nell‟edizione critica a cura di G. LOLLI e P. ODIFREDDI, Torino, Bollati Boringhieri, 2006.]

.......................................................................................................


L‟intera Storia della Filo-sofia, fino a Gödel com-preso, definisce Dio come l‟Essere che possiede ogni Perfezione e sul concetto di Perfezione si basa pure la prima dimostrazione a priori dell‟esistenza di Dio, cono-sciuta come Argomento di Anselmo d‟Aosta (1033 - 1109):

Se Dio è l’Essere di cui si può immaginare ogni per-fezioni, allora deve esiste-re necessariamente, poiché se non esistesse manche-rebbe di un aspetto essen-ziale della Perfezione che è appunto quello dell’esiste-re. Dunque, il fatto stesso che ci sia dato di pensare a un Essere Perfetto impone la necessità che esso esi-sta18. Sorge però il deciso so-spetto che la questione della perfezione divina debba es-sere meglio definita, se non si voglia incorrere in seri dubbi di arbitrarietà.

 

.............................................. Nota 18 .........................................
[ANSELMO D‟AOSTA, Proslogion, 1077.]

.....................................................................................................


4. AVICENNA: IL PERFETTO COME PIENA GIUSTIFICAZIONE DEL SE’

Il problema di una rigo-rosa definizione del Perfetto è risolto già nel Commen-tario di Avicenna19 (980 - 1037) - filosofo di stirpe iranica, scrittura araba ma di cultura greca, non a caso onorato da Dante (Inf IV, 143) - il quale affermò per primo che La Perfezione di Dio è determinata dall’evidenza di per sé della sua Essenza È possibile sintetizzare que-st‟altro principio basilare nell‟affermazione per cui in Dio Essenza ed Esistenza coincidono. In altre parole, Dio, in quanto Ente origi-nario e necessariamente As-soluto, non ha necessità di dimostrazione alcuna, poi-ché la sua Essenza si di-mostra da sé. In altre parole ancora, con Avicenna l‟Es-senza di Dio coincide con la ragione della Sua natura (Ragione intrinseca di Dio), a differenza di quanto si registra invece con la Realtà Fisica, che abbisogna (al-meno così a noi pare) di un ordine superiore di cose per trovare una piena giusti-ficazione di sé.

 

........................................ Nota 19 ............................................
[AVICENNA, Metaphysices com-pendium.]

...................................................................................................



5. INFINITO E TRASCENDENZA

Da quanto finora evi-denziato emerge che la Ra-gione dell‟Esistenza della Realtà Fisica trascende la sua Essenza (che altrimenti sarebbe di per sé evidente). Diremo allora che Si potrà allora scrivere che l‟Essenza E della Realtà Fisica φ elevata all‟infinito coincide con l‟Essenza della Divinità ψ: [E(φ)] ;;∞; ≡ E (ψ) 1)

Va detto che una simile speculazione non è esente almeno da una arbitrarietà: chi ci dice, infatti, che l‟Es-senza della Realtà Fisica, nei cui confronti la nostra intelligenza è cieca, non ri-sulti invece del tutto tra-sparente ad esseri più do-tati? Tuttavia, speculare senza porre l‟Uomo nella posizione di una cosmica inferiorità (processo antite-tico all‟antropocentrismo e perciò, di principio, egual-mente errato) pare l‟unica strada per definire la Perfe-zione in modo corretto. Dunque, in attesa di trovare tra le stelle i nostri pari o i nostri padroni20, il percorso speculativo deve continuare ad essere condotto pog-giando senza esitazioni sulla 1) ogni ulteriore sviluppo.

Ma prima di proseguire la via indicata è opportuno de-dicare una breve nota al-l‟Operatore trascendentale |;;∞;|: esso vale ad espri-mere la superiorità assoluta delle connotazioni divine in

 

................................................ Nota 20 ................................... 
[A. C. CLARKE, 2001: a Space Odyssey, 1968, cfr. Prefazione dell‟Autore.]

..................................................................................................

quanto trascendenti. Ragio-nando dal punto di vista puramente matematico, por-tando per definizione pari „a infinito‟ la „distanza‟ tra i due livelli di realtà, è pro-prio l‟operatore trascenden-tale ad implicare la neces-sità dell‟esistenza di un fatt-ore divino. In una ipotetica, più profonda formulazione dell‟operatore è riposta dun-que ogni nostra speranza di pervenire alla migliore dete-rminazione matematica pos-sibile della struttura della Realtà.


6. HEIDEGGER E LA PRETESA GNOSTICA

Si potrebbe pensare, giun-ti a questo punto, che la spe-culazione platonica espressa nella dottrina delle Idee possa trovare particolari motivi di rinnovata dignità. Ma dal Principio di Tra-scendenza espresso dalla 1) deriva direttamente il corol-lario per cui a noi, in quanto esseri imperfetti (poiché necessitanti di dimostra-zione), la natura di Dio è assolutamente inconcepibi-le; godere, infatti, anche solo per un istante dell‟idea di Dio comporterebbe – comprendendone la “neces-sità di per sé” – l‟Assun-zione immediata alla dimen-sione assoluta; corrispon-derebbe, cioè, ad assurgere a Dio, a essere Dio. Il fe-nomeno dell‟Assunzione, come si ricorderà, è oggi attribuito solo a Maria: esso non necessita, peraltro, per il suo verificarsi, della mor-te corporale dell‟individuo.

Con ciò parrebbe decisa-mente crollare la grande pretesa gnostica di raggiun-gere in vita l‟illuminazione dell‟oltre. Tuttavia, se resta fermo il fatto che «solo un Dio ci può salvare», come ebbe a dire Martin Heideg-ger21 (1889 - 1976), che tale volontà possa accadere in vita o oltre, in linea di prin-cipio, non fa alcuna diffe-renza. Irrimediabilmente ridicola, invece, appare la pretesa di origine giudaica di una rein-carnazione alla fine dei tem-pi: una autentica assurdità quella di acquisire nuova-mente la forma fisica in un contesto ormai pienamente divino, perciò in tutto meta-fisico.


7. ANCORA LEIBNITZ: IL MIGLIORE DEI MONDI POSSIBILI

Nella speculazione intorno a Dio molti, a tuttoggi, con-siderano irrisolto un «dilem-ma essenziale»22: «O gli atti di Dio sono necessari, e quindi non liberi, o sono liberi e quindi arbitrari»23. Ammesso che esista in ciò un problema, è possibile su-perare l‟impasse? Pare di sì, se si ammette che l‟origine dello Spazio-tempo (ovvero della Realtà Fisica) non

 

............................................ Nota 21 ...........................................
[M. HEIDEGGER, Ormai solo un Dio ci può salvare, Der Spiegel, 31 maggio 1976.]

.......................................................................................................

 

...............................................Nota 22 ........................................
[P. DAVIES, cit, p. 221.] 
...................................................................................................

.............................................. Nota 23 ................................... 
[K. WARD, Rational Theology and the Creativity of God, Pil-grim Press, New York, 19982, p. 73.]

.....................................................................................................

corrisponda ad un atto di Dio, bensì ad una vera e propria espressione della Divinità. In altri termini, l‟origine del Mondo (il nostro) non può essere stata determinata da una azione della volontà di Dio (Creazione), ma da una precisa conseguenza della sua Essenza: la Realtà Fi-sica è in qualche modo una Emanazione della Realtà Divina. Dato il carattere speciale insito nell‟Ente Supremo in forza della sua Perfezione, quanto sopra corrisponde ad affermare che La natura di Dio si realizza nella sua pienezza con l’es-tensione della sua Essenza nella realtà Fisica

Si tratta di una soluzione panenteistica del Mondo24, ovvero di una soluzione li-mitata di Panteismo. D‟al-tronde, è il Principio di Ra-gion Sufficiente ad imporre di attribuire alla Realtà Fi-sica il carattere della non-contingenza, ovvero della piena Necessità: questo do-vere esistere possiede un valore assoluto, cioè non determinato da un atto con-tingente come può esserlo un‟espressione della volontà di un Dio.

 

.................................................... Nota 24 ............................... 
[Termine coniato da K. Ch. Krause per designare la propria concezione metafisica, in quanto partecipe del carattere del Teismo come quello del Panteismo. Il Panteismo mantiene da un lato Dio nella sua essenza autonoma, ma d‟altro lato non vede nel mondo che l‟estrinsecazione em-pirica e temporale dell‟eterno Principio Divino.]

....................................................................................................

In ogni caso – che si abbia a che fare con una Emana-zione di Dio piuttosto che con una sua Creazione – la Realtà Fisica, alla luce del concetto di Perfezione, si configura nei termini che sempre Leibnitz ha fissato così magistralmente25: Ciò che noi stiamo sperimentando non può che essere il migliore dei mondi possibili

In forza di questo corollario non è ipotizzabile un dominio fisico privo di scopo, per quanto tale con-cetto (nel senso di „signi-ficato‟) deve essere consi-derato estraneo, di princi-pio, all‟essere umano in for-za del carattere assoluta-mente arbitrario (e perciò inaccettabile) del Principio Antropico26. Per una critica generale dell‟Antropocentri-

 

............................................ Nota 25 .......................................... 
[G. W. LEIBNIZ, Principi razionali etc., cit. ]
.......................................................................................................

.............................................. Nota 26 ....................................... 
[In fisica esiste un elenco di «“coincidenze” e “accidenti for-tunati” che nel loro complesso costituiscono una prova impres-sionante del fatto che la vita, come la conosciamo, è estrema-mente sensibile alla forma delle leggi fisiche e ad alcuni valori […] scelti dalla natura per la mas-sa di varie particelle, l‟intensità di certe forze» e, soprattutto, per il valore di certe costanti universali. «Questo legame fra osservazione umana e leggi e condizioni del-l‟universo è noto […] come Prin-cipio Antropico» (cfr. P. DAVIES, cit, pp. 239-76, alla p. 246). In realtà, perché possa essere af-fermata la validità del Principio Antropico è necessario dimostrare l‟impossibilità dell‟esistenza di forme di vita nell‟Universo che prescindano dal ciclo del Carbo-nio (l‟onere della prova è chiara-mente a carico degli assertori del-la prospettiva antropica).]

...................................................................................................

smo (e perciò della generale prospettiva Veterotestamen-taria) è pienamente suffi-ciente rimanere nell‟ambito della speculazione greca con Senofane, il probabile fondatore della grande scuo-la Eleatica27.




8 – GUGLIELMO DI OCKHAM: UN RASOIO SULLA CATENA DELLA CREAZIONE

Ancora a proposito del concetto delle “emanazioni divine”, occorre far ricorso ad uno altro principio logico di potenza straordinaria: il cosiddetto Rasoio di Oc-kham (Guglielmo di Oc-kham, 1288 - 1349). Lo strumento impone di cassare senza esitazione tutto ciò che in ogni speculazione si rilevi di non-logicamente-necessario.

In forza del Rasoio va subito esclusa dal percorso speculativo ogni ipotesi che tenda ad allungare arbitra-riamente (ovvero con ra-gioni che esulano dai prin-cipi strettamente ontologici) la sequenza Uno-Molte-plice, il che significa che il processo di emanazione del-la Realtà Fisica da Dio va inteso senza mediazione al-

 

............................................ Nota 27 .......................................... 
[G. REALE, D. ANTISERI, Il Pensiero Occidentale dalle ori-gini ad oggi, Editrice La Scuola, Brescia, 1983 (pr. ed.), vol. I, p. 31-3.]

.....................................................................................................

cuna. Frapporre, infatti, tra Dio e le sue Emanazioni alcuni enti intermedi è un processo che, in linea teo-rica, potrebbe essere portato all‟infinito, il che non ha alcun senso. Crolla così l‟idea di un Demiurgo, peraltro mante-nuta in seno alla Gnosi per questioni che possono dirsi di ordine essenzialmente morali. Ma la presenza del Male (un concetto morale del quale non possiamo af-fermare la pregnanza fisica) è da interpretarsi unicamen-te come una delle espres-sioni possibili del nostro li-bero arbitrio. Più in partico-lare, è lecito, e oltremodo doveroso, sostenere che la presenza del Male venga da noi ravvisata per le stesse deformazioni mentali per cui crediamo che nell‟Uni-verso tutto ruoti attorno a noi e che tutto sia finaliz-zato alla nostra sola essen-za.




9. SEMPRE LEIBNIZ: DIO E IL PROBLEMA DEL NULLA


Come è impossibile sot-trarre la Realtà fisica alla sua ragion sufficiente (Dio), così senza Dio non vi è al-cuna necessità della Realtà fisica φ. Il che – sia chiaro – non significa affatto che senza la necessità N di φ non vi sarebbe alcuna ne-cessità di ψ: l‟inversione dei termini non è consentita quando si ha come con-seguenza il risultato con-traddittorio, perciò assurdo, dell‟annullarsi dell‟origine della Necessità (Dio).

Ne consegue che se anche la Realtà Fisica sparisse, il Nulla non sarebbe, perché ci sarebbe comunque Dio. So-lo una “presenza” del Nulla comporterebbe non solo l‟assenza della Realtà Fisica ma pure quella di Dio! Di-remo allora che Dio è la sorgente assoluta dell’opposizione al Nulla

La Realtà Fisica si oppone, sì, essa stessa al Nulla, in quanto parte dell‟Essere, ma per conseguenza, cioè non in assoluto28. La celebre do-manda di Leibnitz: perché esiste qualcosa piuttosto che il nulla? 29 ha come ri-sposta una sola parola, bre-vissima: Dio. Dio è la Ragione per cui il Nulla non può esistere assolutamente Una conseguenza di enorme potenza di questa ulteriore speculazione è che Dal Nulla non è possibile creare alcunché

Infatti, per il fatto stesso che il Nulla non esiste, neppure Dio può farlo. Si noti come ciò sia del tutto ininfluente in rapporto al concetto di Perfezione che si è più so-

........................................ Nota 28 .............................................
[L‟affermazione einsteiniana per cui se una mano divina togliesse per incanto tutta la materia dall‟Universo, toglierebbe anche lo spazio e pure il tempo (poiché per la Teoria della relatività generale la materia stessa, non solo il campo gravitazionale, è una curvatura dello Spazio-tempo), può fornire un‟idea esatta del passaggio che corre dalla Realtà φ a quella ψ, il che costituisce l‟azione precisa dell‟operatore trascendentale.]
....................................................................................................



.......................................... Nota 29 ............................................ 
[G. W. LEIBNIZ, Principi razionali etc., cit.]

.....................................................................................................

pra affermato. Crolla così anche il vero caposaldo della cultura Veterotesta-mentaria, da sempre portato in antitesi alla filosofia gre-ca: la creazione ex nihilo, a dimostrazione piena del fat-to che Dio – in quanto ra-gion sufficiente del Tutto – è onnipresente per pura e semplice emanazione di sé (Panenteismo).

Non solo: Dio è tale da sempre e lo sarà per sempre. Non è del tutto corretta, infatti, l‟affermazione di S. Agostino per cui Dio è fuori del tempo: affermare che Dio è sempre stato e sempre sarà significa soddisfare le-citamente all‟esigenza irri-nunciabile di uno “stare” e di un “durare” eterni di Dio30.
È questo il senso inevitabile dell‟atto dell‟Es-serci, come direbbe Heideg-ger, senza il quale, invero, il concetto di Essere non possiede alcun senso31. Si dovrà senza dubbio trattare la questione in termini di un meta-spazio e di un meta-tempo (ottenibili mediante l‟elevazione al trascendente delle corrispondenti gran-dezze fisiche), ma sarà ne-cessariamente uno “stare” e un “durare” anche “lassù”: un esserci, appunto, con-trapposto a quel non-essere, ovvero al Nulla, che – in assoluto – non è.

............................................ Nota 30 .......................................... 
[L‟affermazione non vale a proposito della Realtà Fisica, che potrebbe esistere anche solo a livello potenziale e dunque, in una data “meta-epoca” non esistere affatto. Si può dire, in quest‟ordine di idee che la Realtà Fisica è l‟espressione in atto di una potenzialità di Dio.] 
.....................................................................................................

............................................ Nota 31 .......................................... 
[In questo senso è del tutto corretto l‟approccio biblico del
«Io sono Colui che è».]

....................................................................................................

Un‟ultima precisazione pare necessaria in materia di Principio di Conservazione. Se è vero l‟assunto che nep-pure Dio può creare dal Nulla, allora il Principio di Conservazione è il primo esempio di un concetto c-apace di andare al di là dei limiti imposti dalla Realtà Fisica. Si parlerà certamente anche qui di una elevazione al trascendente, ma ora pos-siamo immaginare una Quantità, un tutto non-mo-dificabile la cui sommatoria è Dio con tutte le sue pos-sibili Emanazioni. È questa l‟essenza più pro-fonda del Panenteismo, cioè la dimostrazione che pan-teismo e trascendenza non sono affatto incompatibili, ma possono anzi coesistere in una sintesi suprema. Si dirà, in quest‟ordine di idee, che La Realtà Fisica è una diversa espressione della dimensione assoluta di Dio Il quadro intorno al Nulla va completato ragionando sui limiti imposti all‟umana im-maginazione. Ebbene, ciò che esiste di profondamente errato nel comune modo di pensare è la convinzione che oltre i confini fisici dell‟Universo ci sia il Nulla. In realtà, non può esserci il Nulla accanto alla Realtà, e ciò per il solo fatto – come si è bene affermato – che il Nulla, semplicemente, non esiste se esiste, come esiste, la Realtà. Dunque non esiste alcun “al di là dell‟Univer-so” e la Realtà Fisica va trattata come un infinito ma-tematico.



10. UNA NUOVA DIMOSTRAZIONE A PRIORI DELL’ESISTENZA DI DIO: L’INVERSIONE DELL’ARGOMENTO DI ANSELMO

Data la natura a priori del-l‟Argomento di Anselmo, si vuole qui affermare una di-mostrazione di identica na-tura dell‟esistenza di Dio o-perando una semplice inver-sione di quello. Partendo dall‟assunto che la Realtà fisica è imperfetta, ma che deve esistere neces-sariamente una sua Ragione Sufficiente, può essere mol-to più fruttuoso riaffermare l‟Argomento Ontologico di Anselmo nella seguente for-ma inversa: Se esiste l’Imperfetto (la realtà Fisica) a maggior ragione deve esistere il Perfetto, dunque Dio esiste. Chiameremo questo assunto Inversione dell‟Argomento di Anselmo. Infatti, mentre Anselmo partiva dal con-cetto di Perfezione per ar-rivare alla necessità di Dio, qui si parte dall‟Imperfe-zione per attestare imme-diatamente la „Maggior Ra-gione‟ del Perfetto.

È possibile che ci siano solo due strade per tentare di ab-battere questo argomento: o si fornisce una diversa de-finizione della Perfezione tale per cui l‟argomento non valga (ma si tenga presente che l‟Inversione non possie-de in tal senso le arbitrarietà dell‟antico argomento), op-pure si afferma la Perfe-zione della Realtà Fisica at-tribuendo la responsabilità della nostra illusione di vi-vere all‟interno di una realtà imperfetta ai limiti imposti dal Teorema di Incom-pletezza di Gödel 32 quale ultima istanza di una idea panteistica del Mondo.
Va precisato che questa di-mostrazione a priori è già implicita nella letteratura fi-losofica33, ma non risulta a chi scrive che essa sia mai stata trattata nei termini pre-cisi di una “inversione del-l‟argomento di Anselmo”. Di certo, una simile pro-posta esula da quella avan-zata nel 1970 da Gödel, poiché qui si evita del tutto il ricorso a concetti arbitrari (perciò deboli) come la supposta Positività P degli Enti o il principio per cui la Probabilità conduce diretta-mente alla Necessità34.

................................................ Nota 32 ............................... 
[Cfr. CELLUCCI C., La filosofia della matematica del Novecento, Laterza, Roma-Bari, 2007. ]
................................................................................................

............................................ Nota 33 ........................................ 
[Anche nella Meditatio III di CARTESIO, dove però essa, non a caso, è considerata un prova a posteriori.] 
...................................................................................................


............................................... Nota 34 .....................................
[K. GöDEL, cit.]

....................................................................................................




11. ELEMENTI DI TEOLOGIA RAZIONALE: ASPETTI INDAGABILI DELLA DIVINITA’


I. Data la dimostrazione del-l‟esistenza di Dio (l‟Origi-ne) il fondamento metafisico esiste. II. Nessuna informazione ci può essere fornita circa la natura dell‟Origine (in quanto trascendente) al di là del fatto che essa si pone ad una „distanza strutturale‟ in-colmabile dalla Realtà Fisi-ca (Operatore Trascenden-tale). III. Tuttavia la „distanza strutturale‟ infinita tra noi e l‟Origine non è affatto tale per Essa (Operatore Tra-scendentale Inverso: -;x;), in quanto la Realtà Fisica è determinata dall‟Origine medesima. L‟insieme di queste osser-vazioni comporta una pro-fonda revisione di alcuni, comunissimi convincimenti religiosi, ma dimostra anche l‟attendibilità, nel senso della correttezza logica, di molti di essi. Il punto II) demolisce alle fondamenta il concetto della matrice antropica del Vec-chio testamento (il Dio a nostra immagine e somi-glianza). Il punto III) ammette che l‟Origine agisca, o possa a-gire, verso la realtà Fisica con Miracoli o Apparizioni limitate. Inoltre non esclude la validità della Preghiera, perché l‟Origine è assolu-tamente in grado di perce-pire ogni segnale provenien-te dalla nostra dimensione e di interagire in modo oppor-tuno.

Ancora per il punto III), se l‟Elevazione Trascendentale dell‟Essenza Fisica coincide con l‟Essenza Divina, allora la Riduzione Trascenden-tale dell‟Essenza Divina va a coincidere con l‟Essenza Fisica. Ciò significa che il sistema di pensiero concet-tuale Cristiano, basato spe-cificamente sull‟Incarnazio-ne di Gesù, appare il più vicino alle determinazioni della Equazione di Dio di qualsiasi altro Credo della medesima natura. Così co-me altrettanto corretta appa-re l‟idea, già evidenziata, dell‟Assunzione di Maria. Diremo perciò che Il Cristianesimo esprime la maggiore quantità di in-formazione coerente rispet-to a qualsiasi altra Teolo-gia ad oggi sviluppata.

In quest‟ordine di idee non resta che chiedersi se, ai fini della nostra salvezza, varrà il preteso principio dell‟In-finita Bontà o se piuttosto Egli agirà (se e quando a-girà) in termini meritocra-tici. Come soluzione part-icolarmente dignitosa si propone qui senza dubbio la dottrina Gnostica: Dio po-trebbe premiare – facendo assurgere al suo livello as-soluto (ovvero alla propria suprema dimensione) – esclusivamente le figure di coloro che si saranno dimo-strati coerenti e degni di considerazione nella logica prospettiva di una corretta intelligenza del sistema. Si tratta di un modello di esi-stenza all‟insegna della massima libertà, in cui non ha senso alcuno esprimersi in termini di Destino, ma che lascia molto spazio aperto alla speculazione sul Fato (Si pensi all‟impor-tanza delle trame tessute dalle Norne nel Crepuscolo degli Dei di Richard Wag-ner). Un Fato, sia detto chiaro, fortemente dipen-dente dalle condizioni ini-ziali e da quelle al contorno, elementi con cui ciascuno di noi è costretto incessante-mente a fare i conti. L‟unico modo di contrastare il Fato è praticare senza soluzione di continuità, lungo l‟intero percorso della nostra esi-stenza, l‟affermazione di u-na suprema Dignità salvi-fica. Da secoli, dunque, la grande tradizione della Sapienza Gnostica (per quanto sen-z‟altro anch‟essa da rifor-mare per quanto attiene i temi assurdi del Demiurgo) ci offre la Via: È la Conoscenza il solo strumento utile alla nostra Salvezza Si tratterà senza dubbio di una Conoscenza espressa in senso Sapienziale, dove per-ciò anche l‟elemento Etico può certo assumere un ruolo non trascurabile, ma non di per sé determinante. Trattiamo di una Salvezza, da intendere come una coin-cidenza con l‟Origine stes-sa, chiamata in vita (ascen-sione) o in morte (trasmu-tazione). Il supremo ritorno all‟Origi-ne è ciò che potrà atten-derci se Meritevoli in senso Filosofico.
M. M.

................................................................................................. 
LUNIGIANA DANTESCA
ANNO X - N. 72 – GIU 2012
Bollettino on-line
del CENTRO LUNIGIANESE DI STUDI DANTESCHI via P. Signorini 2 Mulazzo (Ms) ; via Santa Croce 30 c/o Monastero di S. Croce del Corvo 19031 – AMEGLIA (SP) Presidente: Mirco Manuguerra ; 328-387.56.52
lunigianadantesca@libero.it
.......................................................................................................

Tempo sprecato per la cultura (wasted time for culture)  
   
Button "Mi piace" Facebook  
   
Pubblicitá  
   
Guida al sito (Guide to the site)  
  Ogni giorno, quasi, il sito Vi propone qualcosa. Quindi continuate a visitarlo.... se potete... regolarmente. VOTATELO!!!!
IN CONTINUA EVOLUZIONE.
 
Le pagine (pages)  
  Secondo il titolo della pagina... l'argomento inserito è generalmente ... unico.
Ma le pagine non sono statiche. Variano con aggiunte.

N.B.
Il materiale inserito è scaricabile, ma ricordatevi di CITARE la fonte.
....................................................
DIRITTI D’AUTORE – COPIARE È REATO!

Questo blog è dedicato alle mie poesie e alla cultura , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione.
Molte immagini e notizie sono state prelevate dal Web. Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare e saranno eliminati immediatamente. Grazie!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
 
AIUTI E CONSIGLI (help and advice)  
  Per ogni vostro suggerimento e/o aiuto vi ringrazierò perché è prezioso... per la cultura.
Datemene... e avvicinatevi al sito con tanta tranquillità.

tel. 347 6608889


domenico.ruggiero06@alice.it
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=
347 6608889