domenico.ruggiero06@alice.it
 
www.domenicoruggiero.it.gg
Poesie, aforismi, filosofia, foto del mondo, concorsi, matematica, personaggi, UFO.  
  HOME (biografia + extra)
  AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 4
  Poesie e Racconti di D.R.
  Poesie e Racconti di D.R. - 2
  NEL NOME DI DIO (14-8-2013)
  Le fonti di energia effimera (22-8-2013)
  CONCORSI POESIA
  GALLERIA FOTO
  IL MONACHESIMO FEMMINILE NEL MEDIOEVO (F. Squeo - 13-10-2013)
  ARTICOLI di VARIA NATURA
  ARCHIVIO (25-4-2013)
  => Giorgio Napolitano (ENCOMIO - 02-2012)
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non)
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 2
  => AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 3
  => EXTRA di Mimmo
  => Libri e Recensioni 1 di D.R.
  => Libri e Recensioni 2 di D.R.
  => Libri e Recensioni 3 di D.R.
  => Trattato Filosofico sulla Poesia (di D. Ruggiero - 28-03-2012)
  => In Nome Della Bellezza (Stefano Zecchi 26-03-2012)
  => F. NIETZSCHE (11-04-2012)
  => A. SHOPENHAUER (di carlotta ricci 11-04-2012)
  => M. Heiddeger (1 - di Diego Fusaro 11-04-2012)
  => M. Heiddeger (2 - di Diego Fusaro 11-04-2012)
  => GADAMER. Il linguaggio dell'essere (di Michele Lasala - 16-05-2012)
  => Jean-Paul SARTRE (a cura di F. Squeo - 21-05-2012)
  => Albert SCHWEITZER (05-10-011)
  => L'eterna Malattia Del Male di Vivere (di Michele Lasala - 16-05-2012)
  => PENSIERO come Potenza (di Fabio Squeo - 17-05-2012)
  => Alfred ADLER. La conoscenza dell'uomo (27-6-2012)
  => Leibniz e D. Ruggiero (di D. Ruggiero 13-08-011)
  => Henri BERGSON. IL suo Pensiero (27-6-2012)
  => WAGNER E LA DONNA (12-2-2013)
  => ERNST BLOCH (a cura di Remo Bodei - 14-10-2012)
  => WAGNER E LA SPEZIA: IL „PRELUDIO‟ DI UN FESTIVAL EUROPEO (12-2-2013)
  => DIO è rinato . M.M. (a cura del CLSD - 4-7-2012)
  => AMNESTY International (10-04-2012)
  => Prospettive di Democrazia (di Vito A. Girardi - 26-05-2012)
  => POESIA. ESISTENZA. CRISI (a cura di Domenico Ruggiero - 14-10-2012)
  => IL 2013 ANNO DANTESCO DELLA DONNA (12-2-2013)
  => Come ridare sapore alla carne? SOS carnalità (di Michele Radogna - 04-06-2012)
  => LA TOLLERANZA è "OLTRE I LIMITI" (di D. Ruggiero - 22-8-2012)
  => AMOROSA SAPIENZA (di Elisabetta Landi - 06-06-2012)
  => LECTURA DANTIS (da F. Brugnoli - 06-06-2012)
  => Pier Paolo PASOLINI (a cura del CENTRO LUNIGIANESE DI STUDI DANTESCHI - 4-08-2012)
  => LA GERARCHIA e la ricerca del vero (a cura del CLSD - 16-10-2012)
  => LA PARTICELLA DI DIO E' IL MUONE (A CURA DI D. RUGGIERO - 4-7-2012)
  => I tre livelli dell’ontologia parmenidea. Massimo Pulpito (22-07-2012)
  => IL carattere trascendentale del Filosofare (di G. Zuppa - 12-11-2012)
  => Chi è Gustavo Bontadini (a cura di Diego Fusaro - 7-8-2012)
  => Gilles Deleuze (1925-1995). Fabio Treppiedi. (22-07-2012)
  => Nuovo costituzionalismo e multiculturalismo (di Vito Antonio Girardi - 18-06-2012)
  => L’ARTE MODERNA. Meyer Schapiro. (22-07-2012)
  => L'orizzonte degli eventi. Cristò Chiapperini. (a cura di E. Simonetti - 22-6-2012)
  => Qualcuno ancora RiFlette (la luce...) (20-10-2012)
  => I DIVERSI (24-10-2012)
  => A SUA IMMAGINE (Studi Esoterici a cura di Umberto de Palma - 29-10-212)
  => Chi è Antonio Rosmini? (2-4-2013)
  => Tito Cauchi vs Ruggiero - Premio Polverini (20-07-2012)
  => Le parole silenti di Dio (di Michele Lasala - 17-06-2012)
  => da Fabio Squeo (vs Martin pescatore - 02-06-2012)
  => da Roberto Sicilia (29-02-2012)
  => da Nunzia Pasculli (13-09-011)
  => dalla poetessa Elisabetta Morotti (04-04-011)
  => di Rita Occidente Lupo (04-02-011)
  => RECENSIONE. FRANCESCO SICILA (26-07-2012)
  => Il sito di D. R. (visto da Occhi Di Argo - 29-3-2013)
  => Aforisma di Domenico Ruggiero (critica di F. Squeo - 22-9-2012)
  => ENERGIA DELLA MENTE di D. R. (critica di Michele Lasala - 24-9-2012)
  => Riflessioni sul valore della poesia (a cura di N. Pasculli - 20-10-2012)
  => INTERVISTA a D. Ruggiero (di Katia Belloni - 13-11-2012)
  => Omaggio a Domenico Ruggiero (poesia di F. SQUEO - 18-9-2012)
  => Omaggio a Domenico Ruggiero (poesia di R. Sicilia - 20-09-2012)
  => Mr ZEUS colpisce ancora (libro di poesie di D. R. - 29-11-2012)
  => La poesia di Antonietta GNERRE (14-10-011)
  => La Poesia di Enza Capocchiani (9-8-011)
  => La Poesia di Eugenio Panaro (16-08-011)
  => La Poesia di Carlo Scarola (11-10-011)
  => L'Anima profonda di E. MELOZZI (18-08-011)
  => La Poesia di Domenico Cipriano (18-12-2011)
  => Katia Belloni (01-11-2012)
  => IL poeta Filippo Accrocca (17-4-2013)
  => IL MOSTRO (di D. Ruggiero - Fantacalcio - 13-09-011)
  => Sull'importanza del DONARE (05-04-2012)
  => Teoria della Vita (di D. Ruggiero 07-09-2011)
  => Il Pensiero di Archimede e Pitagora (di D. Ruggiero 12-08-011)
  => I TEMPLARI (03-10-011)
  => Collaborazioni (di D. Ruggiero - con Roberto Sicilia)
  => VIRTU' e VIZI (a cura di D. Ruggiero - 13-08-011)
  => AVVISO AI NAVIGANTI (di D. Ruggiero - 23-5-2011)
  => L'Evoluzione.... lentamente (di D. Ruggiero)
  => Il Pensiero di R. Sicilia (a cura di D. Ruggiero - sintesi - 10-08-011)
  => La Pietra della Giovinezza (Anonimo - 9-8-011)
  => La Giustizia di Dio.... arriva! (di D. Ruggiero 08-08-011)
  => TESLA Nikola l'extraterrestre (2-10-011)
  => OTTAVIA PICCOLO (omaggio)
  => Chi è LORENA BIANCHETTI ? (19-05-2012)
  => Chi è FERDI BERISA ? (19-05-2012)
  => Chi è LADRI DI CARROZZELLE ? (20-05-2012)
  => Rivista NEWTON (da dicembre 2011)
  => Lo SAPEVATE che... (17-10-011)
  => Tutto sull'ODE (28-08-011)
  => 10o ANNIVERSARIO - BAR ERVIN 24h-24h (di D. Ruggiero BT - 24-7-011)
  => Anniversario Circolo Unione (di D. Ruggiero BT - 6-08-011)
  => AUTO BLU (di D. Ruggiero - sprechi dello Stato...7-8-011)
  => Le 3 SCIMMIETTE (di D. Ruggiero - politica commerciale 01-08-011)
  => I TEMERARI (a cura di D. Ruggiero 19-08-011)
  => LA MUSICOTERAPIA (di V. Miranda 19-12-2011)
  => VIVERE CON LENTEZZA (di D. Ruggiero 18-01-2012)
  => L'invisibilità (Spazio-Tempo) (di V. Caiani 17-01-2012)
  => LE ECCELLENZE DEL MONDO (12-12-2008)
  => Chi agisce e chi si lamenta: quale differenza? (a cura di G. Marsala 15-05-2012)
  => Differenza tra Leader e Followers (di G. Marsala - 04-06-2012)
  => IL FUMO (di Eliana Stendardo - 1-8-011)
  => IL GINEPRO (del dr. C. Origlia - 29-09-2011)
  => Le Diete e le intolleranze alimentari (del dr. F. De Ruvo - 13-10-011)
  => La Ricerca del Sonno (di D. Ruggiero 26-10-2011)
  => IMMAGINI dal Mondo - (15-09-011) - 1
  => IMMAGINI dal Mondo - 2
  => IMMAGINI dal Mondo - 3
  => IMMAGINI dal Mondo - 4
  => IMMAGINI dal Mondo - 5
  => IMMAGINI dal Mondo - 6
  => IMMAGINI dal Mondo - 7
  => IMMAGINI dal Mondo - 8
  => Lettere d'encomio
  => ARTE NELLA SABBIA (13-12-2011)
  => LA BELLEZZA Degli Uccelli (13-12-2011)
  => I FIORI DEL LOTO (14-12-2011)
  => IL Bello SOTT'ACQUA (14-12-2011)
  => PROIEZIONI STEREOGRAFICHE (14-12-2011)
  => TIPI DIVERSI DI CULTURA (14-12-2011)
  => SIMPATICI ANIMALI (15-12-2011)
  => ILLUSIONI OTTICHE - PUZZLE (14-12-2011)
  => I DESERTI (14-12-2011)
  => I FIORI (16-12-2011)
  => Manipolazioni SURREALI DIGITALI
  => GRAFICHE SFERICHE (16-12-2011)
  => FONTANA SPETTACOLO A BARCELLONA (16-12-2011)
  => I RAGGI SEGRETI DELLA LUCE (16-12-2011)
  => LA FONTANA MAGICA DI KRIZIK a PRAGA (17-12-2011)
  => FONTANA IN FIDENZA (PR) (17-12-2011)
  => FONTANA in GUINEA EQUATORIALE (17-12-2011)
  => FONTANA DI DESIO (17-12-2011)
  => LUNGOMARE di BARI (17-12-2011)
  => FONTANA a JOLANDA di SAVOIA (17-12-2011)
  => SPORT: MOMENTI INTENSIVI (17-12-2011)
  => VIDEO Giorgio Bongiovanni
  => VIDEO - intervista RAI - TV del Gruppo Albatros
  => Centro JOBEL (21-07-011)
  => Giorgio Bongiovanni a Polignano a mare (10-12-2011)
  => W.A. Mozart Concert in re min. K.V. 466
  => VIDEO SU NIETZCHE AL BAR ERVIN (11-06-2012)(
  => Domenico Ruggiero @ Ad Amica 9_Intervista_TV (09-06-2012)
  => Michele Lasala - Youtube
  => Il coniglietto di M. Lasala (2-08-2012)
  => 3 Artisti per 3 poesie (04-11-2012)
  => David Foenkinos. Le nostre separazioni. (di Diego Zandel - 19-05-2012)
  => CONTRO LE RADICI...- Maurizio Bettini (di Sergio D'Amaro - 20-05-2012)
  => La fame delle donne. Marosia CASTALDI. (di M. G. Rongo - 30-05-2012)
  => ME CAGO NELL'AMOR (di Tonino Carotone - 04-06-2012)
  => Livio Sossi - "Cieli Bambini" (a cura di B. Tricarico - 18-06-2012)
  => Festa di Tutti i Santi (da www.partecipiamo.it - 28-10-2012)
  => Festa di Halloween (da www.partecipiamo.it - 28-10-2012)
  => Le Presbytère. Amore e morte secondo Béjart (a cura di P. Bellini - 22-6-2012)
  => La Lupa Capitolina è di origine Medievale (a cura di F. Serravezza - 23-6-2012)
  => ANCORA SUL PRESEPE, SIMBOLO DELL'UOMO NUOVO (12-2-2013)
  => Poesia in romanesco - Peppe Renzi (18-3-2013)
  => Chi è ROSARIO TEDESCO (a cura di D. Ruggiero - 27-06-2012)
  => NUNZIO DESIDERIO (Critica di F. Squeo - 17-9-2012)
  => Buona Pasqua 2013 (da Lunigiana Dantesca - 30-3-2013)
  => Chi è MICHELE di LONARDO ? (di D. Ruggiero - 20-05-2012)
  => UNA VERITA' ASSOLUTA (dal Vaticano) (26-02-2012)
  => L’AFORISMA DEL MESE (12-2-2013)
  => Chi è Maurice MAETERNICK ? (29-05-2012)
  => I MARINES sono nati nel SUD dell'Italia (02-06-2012)
  => Il Telefonino e La Scrittura (a cura di D. Ruggiero - 2-10-2012)
  => Caro LUCIO (foto e poesia di L. DALLA - 07-09-2012)
  => MONTI - poesia di Domenico Ruggiero (2-3-2013)
  => CONFRONTO FRA FRANCESCA E PIA DEI TOLOMEI (20-4-2013)
  => ILLUMINAZIONE DELLA FESTA A SCORRANO (LUGLIO 2011)
  => L'AMADRIADE (12-2-2013)
  => Intervista a Miguel De Cervantes (di Michele Lasala - 13-5-2012)
  => IL Don Chisciotte di Scaparro (di Michele Lasala - 18-05-2012)
  => MONOGRAFIA di Eleonora Cogliati (9-5-2013)
  => I Geroglifici di Fabio Squeo Pittore (14-8-2013)
  => AVVISTAMENTO UFO A TRANI (27-4-2013)
  => MATEMATICA E GEOMETRIA NELLA DIVINA COMMEDIA (CLSD - 11-8-2013)
  Titolo della sottopagina Galleria
  Links di Domenico Ruggiero
  Contatore
  Contatti
  MESSAGGIO DI ASHTAR SHERAN
  GAZZETTA MEZZOGIORNO 22-5-2016
  Elenco links
  Sondaggi d'opinione
  Toplist
  FESTA A VILLA ANZIANI STORELLI - 2016
  FESTA AL CENTRO ANZIANI STORELLI
  NOTTE DEI POETI - DOMENICO RUGGIERO 17-6-2016
  TU CHE VEDI AL DI LA' (POESIA)
  LA BELLEZZA - di FABIO SQUEO
  PREMIAZIONE LA LUCE DELL'ARTE - ROMA
  CONCORSO POESIA PIERLUIGI GRAZIANI - 2016
  CONCORSO POESIA LEIVI 2016 - CITTA' DELL'OLIO
  LIETO COLLE - IL SEGRETO DELLE FRAGOLE 2017
  IBISKOS ULIVIERI - AGENDA 2017
  PERLE QUOTIDIANE 2017 - MONTEGRAPPA EDITORE
Copyright @ opere di Domenico Ruggiero - CITARE sempre la fonte. ........................................................
MONOGRAFIA di Eleonora Cogliati (9-5-2013)

 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. 

L’opera dello scrittore è soltanto

una specie di strumento ottico

che egli offre al lettore

per permettergli di discernere

quello che, senza libro,

non avrebbe forse visto in se stesso.

 

(Marcel Proust)

  
 
©COPYRIGHT 2013 BY EDITRICE TOTEM 
VIALE ACQUA MARINA 3
00042 LAVINIO LIDO – ROMA
TEL. 06/90286930 – 389/5468825
editotem@mclink.it
 
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE
 
Ottimizzazione redazionale di Angela Giassi

Gianfranco Cotronei

............................................................... 

 

Il volo infinito

di Eleonora Cogliati


monografia

 

N. 42 COLLANA IMPORTANT

Editrice Totem

 

 ........................................................

1

La vita

 

2

Opere, premi

 

3

Il nodo critico

 

.................................................................

1

La vita

 

Eleonora Cogliati è nata a Lecco il 24 marzo 1969. Ha sempre vissuto nella sua città natale ma forte è l’attaccamento alla terra d’origine della nonna paterna, il Friuli, a cui sente di appartenere. Proprio a quella campagna, semplice ma vera, sono legati i più bei ricordi di fanciulla e adolescente: le corse a perdifiato nei prati e tra i campi di grano, i giochi nei granai, nelle stalle e nei fienili, la vita contadina, il profumo delle rubinie in fiore in primavera e l’odore acre delle sterpaglie bruciate in autunno, il canto dei cucù al sopraggiungere dell’estate,  il cielo notturno stellato e vibrante.

Ha conseguito la maturità scientifica ed è socia dell’impresa di famiglia con mansioni amministrative e commerciali. Il lavoro la porta a viaggiare per il mondo; da qui l’interesse per la natura, l’arte e la storia. Altre due grandi passioni che l’accompagnano da sempre sono la lettura (dai classici autori francesi e russi fino al contemporaneo Ken Follet) e la musica classica.

Nel 1998 il matrimonio e il 6 luglio 2001 la nascita del primogenito Riccardo. Il 5 febbraio 2005 viene alla luce Edoardo. Di lì a pochi mesi la crisi coniugale cui farà seguito nel 2007 la separazione.

Crollate le speranze e le aspirazioni per il futuro, si dedica completamente ai suoi bambini e scopre la sofferenza interiore e la solitudine. Una notte d’estate, un risveglio improvviso la porta a comporre la sua prima poesia (“Risveglio…”, luglio 2009). Da questo momento attraverso la scrittura riuscirà a trovare conforto e ad esorcizzare in parte il dolore che la affligge. Oggi Eleonora risiede a Olginate insieme  ai suoi figli e a Davide, compagno di vita e di poesia.

 

 

 

 
...............................................................


2

 

Opere, premi

 

 

 

 

Opere:

 

        GOCCE DI EMOZIONI

        Aletti Editore – maggio 2011

 

        ANIMA    

        Aletti Editore – in fase di pubblicazione

 

Premi e riconoscimenti

 

Diploma con medaglia al Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Prato: un tessuto di cultura edizione 2011 – sezione poesia inedita.

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

Menzione d’onore al Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Firenze capitale d’Europa edizione 2011 – sezione poesia inedita.

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

Segnalazione di merito al Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Firenze capitale d’Europa – edizione 2011 – sezione poesia edita.

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

II classificata al Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Prato: un tessuto di cultura edizione 2012 – sezione poesia inedita con la lirica “Ti stringevo la mano…” con la seguente motivazione: La gioia e l’amore che legano due persone. Felici s’incamminano, mano nella mano vanno incontro al loro destino. Poesia che ti riempie il cuore d’amore.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

V classificata al Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Prato: un tessuto di cultura edizione 2012 – sezione poesia edita.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

I classificata al Premio Pensieri in versi edizione 2012 – sezione poesia inedita con la lirica “Mi risveglio”, con la seguente motivazione: La poesia di Eleonora Cogliati, “Mi risveglio”, attraverso un linguaggio metaforico si fa sintesi di un percorso interiore che affida alla parola i turbamenti dell’animo. Il verso intriso di ampio significato lessicale riesce, attraverso la forza della poesia, a ripercorrere il cammino dell’uomo, mentre la natura si fa ambasciatrice con “il monotono ticchettio sui cocci del tetto”. La pioggia è preludio di un animo uggioso, che cerca invano l’aurora nei meandri del cuore. Nella lirica c’è la parte più intima della donna che si fa portavoce delle angosce, che incupiscono la vita. Possiamo dire che si tratta di una poesia che traccia il percorso esistenziale dell’io.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

Menzione d’onore al Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Firenze capitale d’Europa – edizione 2012 – sezione poesia inedita.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

Segnalazione di Merito al Premio Internazionale di Poesia e Narrativa Firenze capitale d’Europa – edizione 2012 – sezione poesia edita.

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

V classificata al Premio Nazionale di Poesia Edita Leandro Polverini – edizione 2012 – sezione poesia esistenziale con la seguente motivazione: Lirica pacata, intima, totalizzante nella sua felice fusione con la natura a conseguire una rigenerazione panica a cui non serve, se non rarissimamente e in accenti comunque lievissimi, aggiungere presenza umana laddove l’elemento vitale è sempre lì, pronto a sbocciare, a impadronirsi d’ogni anfratto di bellezza con le sue esistenziali gocce di emozioni.

 ....................................................................

3

Il nodo critico

 
La poesia di Eleonora Cogliati viola il principio di non contraddizione e richiama ricche percussività contemporanee la cui connotazione visiva e sonora non è mero oggetto dei sensi, della vista e dell’udito, ma anche metafora e simbolo talché la sua versificazione illumina le gocce di emozioni della nostra biografia.

Fratture e controritmi abitano il profondo dell’Autrice con fantasmi e imprevedibili fioriture di voci segrete laddove i lumi del mistero in cui affondano i suoi versi si rivelano strumenti che ci portano oltre il limite che rende inutile un’ampia distanza.

In questo senso condividiamo quanto scrive Silvio Bordoni (prefazione a Gocce di emozioni, Aletti editore, 2011) “un destino già segnato a richiamare il gusto della vita, come di un sogno antico che si sottrae al dissolversi di una gioia e che di nuovo si concede alla parola”.

La cosa si ripropone ad ogni nuova alba sul pianeta, allorquando l’Autrice fa posto dentro la poesia a una narrazione mimetica e ricca di impalpabili visioni di paesaggi dell’anima mediante un’accelerazione del pensiero o del sentimento.

Le affettività, polarizzate attorno ai suoi legami più profondi, creano atmosfere di profondo impatto emotivo, espresse attraverso una versificazione tesa a incunearsi nelle strettoie di particolari vicende interiori.

 

…un soffio…

…e affido questi petali al vento…

 

 

 

 

…afferrali al volo

custodiscili…

 

 

 

 

…hanno vinto l’inverno per te…

…non lasciarli sfiorire…

 

 

Questa poesia, che chiude la silloge sopra citata, titola A te ed il prefatore ne rimarca “un improvviso e insperato scambio di energia tra due esseri che di nuovo credono e tentano una rinascita come da sempre la poesia dei sentimenti ci induce a sperare”.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

Altrove, il tono lirico della raccolta vive di un’erranza sospesa in una visionarietà che racconta la perdita, spinta talvolta sino all’annichilimento, delle ossessioni che inquadrano per bagliori un enigma, il lato oscuro del vivere.

 

 

 

 

 

…lacrime scorrono sul viso…

salate come l’acqua in cui cadono

e si dissolvono…

copiose da trasformare il mare in oceano…

 

 

 

 

una giovane donna…

…sola…

 

 

Ma questa di Eleonora Cogliati non è una semplice raccolta di poesie, come giustamente annota Guido Milani, specie laddove l’estrema duttilità musicale del suo linguaggio evocativo riesce a tradurre in parole le impennate creative dell’Autrice e rimanda al ricco paesaggio lirico di Montevecchia, che intreccia il fisico con il metafisico in una tonalità leopardiana meritevole di ascolto.

 

 

È il calar della sera…

…mentre nell’abbraccio delle ombre

che si allungano pigre

lentamente il crepuscolo dissolve ogni cosa

nel tenue chiarore del giorno

ormai pronto a svanire

di Montevecchia il profilo si staglia nel cielo.

Oltre il nero orizzonte lo sguardo si perde…

…e muore dietro un velo di lacrime

testimoni silenti di un oscuro presagio…

…l’immoto presente che mai diverrà domani…

 

 

 

 

 

 

 

 

L’elemento di fondo che accomuna molti di questi versi è l’esposizione di stralci e ritagli di vita quotidiana, colta nella sua spoglia patologia. E non è elemento che sorprende, la figurazione congiunturale di notizie che si travestono da confessioni intrise di realismo mimetico del privato.

Non a caso, Silvio Bordoni cita il canto d’emergenza di Paul Celan per rendere il clima lirico delle stanze alfabetiche dentro cui si muove l’Autrice con la sua trasversalità e contaminazione poetica fuori degli oggetti intenzionati esteticamente, assorbendo così nella scrittura un nuovo linguaggio del mondo, fatto di materiali sofferti e desueti a creare una nuova organizzazione di senso.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

Eleonora Cogliati declina una pluralità di significati in una dirompente tensione poetica laddove i suoi schizzi e i suoi versi si muovono nell’intramontabile spleen romantico di un estremo tentativo di sottrarsi all’affermazione diffusa dell’effimero, oltrepassando il guado di zone buie e rimosse.

La sua poesia intimista rivela una interiorità forgiata da dure prove della vita e  polarizza estraniamento e un conseguente cercare rifugio in un mondo diverso laddove il riverbero dei sentimenti catturati attraverso un gesto, un movimento, uno sguardo diventa linguaggio evocativo che riesce a tradurre in parole gli affanni emotivi e le affettività spezzate.

La percezione del divario tra realtà e sogno e aspirazione alla felicità infrangono il limite imposto da un mondo che vuol imbrigliare i sentimenti spegnendone il calore.

 

 

Notte di luna piena…

…due anime allo sbando

agghiacciate

impietrite

squarciate

incatenate al passato…

crudele dolore presente

si nutrono timorose del di lei chiarore…

 

 

 

 

 

 

 

 

Troviamo in quest’ultimo verso un chiaro indizio della voglia di luna e del di lei chiarore, voglia che esige uno spazio concettuale psichico dentro il quale la poesia si riappropria di ciò che la mente sta elaborando attraverso la rottura di un diaframma fisico trasparente al di là delle censure della coscienza.  

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

In questo dimensionamento confuso onirico, del tutto simile ad una condizione sognante, l’Autrice sembra parlare una lingua sconosciuta, unica chiave per accedere alle istanze più latenti della propria identità profonda, mappa alveolare destrutturata in una percezione terminale di essere

 

 

…ombra attorniata da ombre…

inseguita da spettri e fantasmi

che del passato incombono presenti…

 

 

La mappa del percorso di questa poesia si muove da note essenziali per giungere ad effetti sonori dinamici e ci apre le porte di un mondo lirico ancora inesplorato laddove il cantar d’amore sceglie radici all’interno di strutture ritmiche di astratto rigore: come corde di un’arpa lievemente percossa lasciano l’impronta di un’eco liquida accentuata dalla presenza reiterata della allitterazione.

 

 

…cullali dolcemente tra le tue calme onde

involgili teneramente con le tue tranquille acque

preservali dalla curiosità del malvagio…

 

 

Quindi, il dono della scrittura appartiene ad Eleonora Cogliati come annota Germana Marini, critico letterario, attratta dalla poesia autobiografica e accorata di Gocce di emozioni (“Il Convivio” Ottobre-Dicembre 2011).

“È lei, pertanto, che vigila a captare ogni interna voce, la ridda di conflitti, angosce, rimpianti che dentro le irrompe, puntualmente fissata nel diario dei giorni”. (Ibidem).

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

Infatti, il testo poetico non nasce solo dai codici di riconoscibilità emotiva e dai segnali antropomorfici ma soprattutto dalla vissuta, sofferta trasgressione che scivola silenziosamente su immagini ricche d’una verità vissuta in cui l’Autrice annuncia la semplice meraviglia delle piccole cose.

Il critico Tito Cauchi scrive sulla raccolta Gocce impressioni molto in linea con il significato del presente studio. “Ritengo che le ellissi rappresentate dai puntini di sospensione nei versi, conducano a riflessioni e nel contempo a una sorta di auto contemplazione, di pudica soddisfazione. Potrebbe sembrare che siano lasciate a caso, costringendo a cercarne il senso; penso che stia qui il gioco dilettevole e poetico, complice e trascinante”.

Un’accuratezza di espressione genuina e irresistibile caratterizza la versificazione che riportiamo qui sotto, la quale restituisce emozioni attraverso brevi schizzi che tratteggiano eventi minimi e quotidiani, ricordi, gesti, brevi dialoghi resi con una musicalità sorprendentemente percepibile.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho scorto

tra marcio fogliame e secche sterpaglie

un fiore.

 

 

 

 

Non un bocciolo

ma una corolla avvizzita

rassegnata ad appassire.

 

 

 

 

Desideroso di vita

a dispetto della fine imminente.

 

 

 

 

Dono d’amore

e

…dono d’amare…

 

 

 

 

L’ho colto.

L’ho serbato dentro di me.

L’ho sostenuto col mio spirito.

 

 

 

 

Per un solo istante me ne sono scordata

tra le mie dita si è lasciato morire…

 

 

 

 

 

 

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

 

 

 

Talvolta l’urgenza nervosa del verso e una certa frenesia fisiologica guidano – con uno stile misuratissimo – la composizione in un difficile equilibrio tra il confine rassicurante e insieme tragico delle proprie radici e la consapevolezza di una materia astratta dolorosamente arsa e incandescente.

E quando Eleonora Cogliati si trova al centro del labile confine tra realtà empirica e universo onirico, laddove forze propulsive e incontenibili del profondo inseguono liricamente una memoria che tace dietro le quinte di un sipario aperto, traccia le ali di una farfalla come liquide schegge di esperienza che formano ed elaborano in maniera profonda quei percorsi dispersivi e distratti che dalla percezione arrivano alla consistenza antropologica di troppi tramonti trascorsi.

 

 

Una bimba addormentata

stesa nell’erba e nel sole

i lunghi capelli ornati

da una corona di margherite

le esili braccia allargate ad abbracciare il cielo

chiusi gli occhi, aperto il sorriso.

 

 

 

 

Una farfalla

svolazzando di fiore in fiore

solletica il suo risveglio.

 

 

 

 

Curiosità e desiderio

germogliano da quel vivace batter d’ali.

 

 

 

 

La rincorre

fiduciosa.

 

 

 

 

Tanti, troppi tramonti son trascorsi

ma ancora, ormai donna, la rincorre.

 

 

Tale raffinata e profonda capacità autobiografica disarma qualunque lettore, che non può non amare un’Autrice così portata a travalicare i chiusi limiti dell’esperienza individuale e quotidiana per indagare ben oltre, in un viaggio lirico sospeso in astratti silenzi.

Sempre insistendo sulla stessa mirabile lirica poco sopra riportata, avvertiamo un processo di confluenza temporale verso un unico punto di massa intorno al quale gravita alla fine lo stesso lettore laddove ogni verso diventa fulcro di accumulo di una storia individuale e possibilità di rivivere questo insieme di spezzoni di linguaggio, di parole orfane in forma sequenziale ordinata.

 

 

 

 

 

 

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

 

 

 

Nella poesia “Uragano”, pubblicata da Aletti Editore nella raccolta “Il Federiciano” 2011, la struttura ritmico-fonica, che rinuncia alla rima per rendere più libera la musicalità del verso e il movimento delle immagini, riverbera un uso accorto delle assonanze sparse poeticamente in un testo colmo di significati e di raffinate allusioni erotiche. Una filigrana autobiografica poetizza l’incidenza delle suggestioni fisiche con la dovuta moderazione in un solco di perfetta misura di fughe e di ritorni.

 

 

 

 

 

 

 

 

Stridule grida di gabbiani

inquieto batter d’ali

frenetico volo

 

 

 

 

odo

 l’impeto del tuo alito

scorgo

nei bagliori la tua potenza

 

 

 

 

ti avverto

dio del male

e

respiro paura

 

 

 

 

ti guardo

rapita

…cancellare le impronte dei miei passi…

 

 

 

 

 

 

 

 

Sembra, quasi, che la paura di volare saldi quella linea immaginaria tra il reale e il sogno laddove un nichilismo cosmico diventa un limpido assolo di impressionante verticalità quasi a segnare una indicazione da consegnare al lettore nella spoglia nudità di richiami e di rimandi, quasi una sorta di intertestualità sperimentale continua e ricorrente. Elementi, questi, che sottendono tutta la produzione poetica di Eleonora Cogliati sempre a suo agio su un sicuro binario di compostezza espressiva che crea atmosfere dense, caratterizzate da componenti visuali che vanno svelandosi in un clima sempre più approfondito, più intimo di disincanto e di solitudine, come possiamo riscontrare in questi versi inediti dell’8 febbraio 2011.

 

 

Ho passeggiato accanto a te

lungo la riva del mare…

 

 

 

 

Ho ammirato

all’orizzonte

l’alba tingere le tenebre di rosa…

 

 

 

 

Ho vissuto la meraviglia del sole…

 

 

 

 

Ho osservato

al tramonto

il cielo infuocato velarsi di ombre…

 

 

 

 

Ho lasciato la luce spegnersi nel buio…

 

 

Parole che disegnano macchie di significati plurimi, silenzi e parentesi di imperfetta, metrica armonia attenta a cogliere il palpito della natura con delicatezza e attenzione alle sfumature di immagini in vibrazione.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

Molto intensa anche la breve lirica inserita da Aletti Editore nella raccolta “Habere Artem” del 2010.

 

 

Nell’oscuro vuoto dell’anima

una fievole eppur vivida speranza

nel profondo…

…come sul morire del giorno

una sottile ma fulgida lama

di luce all’orizzonte…

…a ricordare che esiste il sole…

…che oggi sarà domani…

 

 

Cogliamo, da parte dell’Autrice, una continua ricerca evolutiva della forma espressiva quasi fosse consapevole che il respiro della scrittura non sempre è sufficiente a riverberare compiutamente la percezione profonda di un’identità che vuole sopravvivere dicendo a se stessa che domani è un altro giorno. Quindi, gli ossimori – una fievole eppur vivida… una sottile ma fulgida… – suggeriscono una tremula palpitazione psichica lontana dall’accettazione della sconfitta esistenziale, tema molto caro alla poetessa, specialmente nella sua produzione più risalente.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

È del 5 ottobre 2010 una poesia che leggiamo a pag. 40 della silloge Gocce. Venata di naturalismo, appare come coperta da un velo onirico, da una percezione sempre lievitata dall’interno che trasfigura gli elementi lirici nel tiepido sopore dei sentimenti dove l’Autrice ritrova il ritratto vivido e memorabile di un delicato e profondo desiderio di infinito.

La dislocazione psichica di luoghi acquerellati flette la parola in formule classiche di armonia cosmica laddove il movimento vocale recupera le dinamiche foniche e ritmiche di un amplesso tra microcosmo e macrocosmo. Sulle formule classiche, derivate da una grammatica generativa interiore, torneremo in altra parte di questo saggio.

 

 

Accogli la mano che tendo incerta

stringila

e cammina al mio fianco…

Guidami

lungo sentieri impervi e sconosciuti

oltre le distese dei prati arcobaleno

oltre i declivi delle verdi colline

oltre le vette

…su…

…alle soglie del cielo…

 

 

 

 

abbandonàti in un volo infinito

 

 

Tutti i relativismi di questo mondo impallidiscono di fronte alla temperatura lirica generata dall’estro della poetessa che ci ha suggerito con un volo infinito anche il titolo per questa monografia.

L’apparato simbolico di Eleonora Cogliati è vasto, ricorre ai sensi, tramuta il corpo in un sistema di rilevazione di emozioni ad ampio spettro laddove si accende il desiderio mai sopito di perlustrare possibilità di linguaggio accessibili al nucleo segreto del dire e del fare. E ciò crea empatia nel lettore, nel suo essere corpo vivo, in vibrante sintonia con la contemporaneità.

 

 

Tormento…

…desideri proibiti…

di un tocco leggero…

di labbra sfiorate…

di uno sguardo…

 

 

 

 

…lama di luce che invade l’anima…

 

 

 

 

…gocce di emozioni…

 

 

Il verso di chiusura della lirica, che dà il titolo alla silloge, coglie con palpitante precisione l’istantanea di significati sospesi, affidati per lo sviluppo alle fantasie supplementari del lettore laddove si dispone lungo una cornice temporale ciò che accade in un istante e in tutta l’ambiguità di un istante.

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

L’Autrice spande a piene mani nelle sue liriche micro variazioni, il sincopato, il troncato di netto, svolte minimali di un identico nucleo germinativo: infatti, deve orientare e affinare l’ascolto introspettivo dei processi della sua vicenda affettiva laddove la parola poetica è accolta in uno spazio mentale che ne valorizza la componente sonora, la sua pregnanza rapsodica e la sua forza evocativa.

Né passa inosservata la scelta di parole intrise di classicità militante, che presuppongono una valutazione da parte della poetessa alle prese con il suo talento lirico.

Per classicità militante intendiamo:

bronzeo profilo

ultimo raggio di sole

cupo orizzonte

fremito d’ali

Molto esplicativi del discorso sono i versi che seguono.

 

 

L’aurea penombra

esalta il tuo.

bronzeo profilo.

La tua pelle

riluce di un ultimo raggio di sole

ormai prigioniero del cupo orizzonte.

 

 

 

 

Ti stagli impassibile in attesa di un segno

 

 

 

 

un fremito d’ali

 

 

 

 

un gabbiano

si alza in volo

incontro alla tempesta

 

 

Felice attitudine a legare insieme, a vincolare, memoria e poesia, il dire e l’essere. Siamo davanti a un meraviglioso alfabeto di emozioni e sensazioni che sanno catalogare la solitudine delle parole quando hanno significato. L’emozione prima di tutto, senza la quale tutto quello che circonda l’essere sarebbe mera cronaca insignificante, anche perché, a dirla con Giorgio Vigolo, scrivere una poesia,
è sempre un colpo di mano sull’ignoto.

Quando l’essere amato si trova in un altro luogo: l’essere amato ha altre coordinate, la poetessa non possiede il codice di quelle coordinate.

 

 

Apro gli occhi ed è il buio

ascolto ed è il silenzio

tendo le mani ed è il vuoto.

Ti cerco… ed è la solitudine.

 

 

E quando la famosa prima stella della sera di Saffo ritorna

 

 

sfiorando il cielo con lo sguardo

ti ho trovata…

nel timido baluginio di quell’unica stella

che sola annuncia la notte

 

 

O quando l’Autrice coglie l’attimo per un’esistenza da esseri umani capaci d’emozioni (inevitabile citare un film del 1989, L’attimo fuggente, diretto da Peter Weir) creando un’apertura positiva verso la vita – lettrice attiva di simboli – mediante il grande potere della poesia.

 

 

Ripenso a quel pomeriggio

di inizio settembre

primi sentori d’autunno nell’aria

seduta al tuo fianco sulla riva dell’Adda…

…contemplare i riflessi del sole

oro che si fonde nel verde smeraldo…

…ad occhi chiusi ascoltare il silenzio

che esprime più di mille parole…

 

 

 

 

Rivedo quell’albero che nasce dall’acqua…

…e parla di te…

 

 

 

 

Ricordo…

…per rendere quell’attimo eterno…

 

 

♫ ♫ ♫ ♫ ♫

 

 

Tornando alla pubblicistica sulla silloge Gocce, abbiamo letto, con interesse, Giuseppe Leone (Pomezia Notizie, marzo 2012, pagg. 10,11) che nella sua puntuale disamina cita il pensatore francese Foucault a proposito del viaggio lirico di Eleonora Cogliati dal corpo all’anima. Il critico, inoltre, accosta felicemente la bora montaliana alle necessitate intenzioni tematiche dell’Autrice.

Meno d’accordo, invece, siamo su una collocazione nel “verseggiare moderno” che Leone fa rilevando la distanza dell’Autrice da atteggiamenti fatalistici classici, cioè dei latini e dei greci. Saremmo più propensi a cogliere nella poetessa talenti lirici calati in un clima post moderno in quanto tutti strutturati su un’onda di pensiero debole. Strutturati – si badi bene – come archetipi che hanno trovato libero campo nell’insolita sensibilità dell’Autrice a cogliere le sfumature socio-esistenziali che la circondano.

Né condividiamo il critico quando parla di “molli versi”. Tutt’altro che molle ci sembra la poesia di Eleonora Cogliati specie laddove ci piace pensare che la persona coincida con i versi che scrive. E laddove è evidente che le fragilità e morbilità dell’Autrice diminuiscono man mano che lei si approssima alla sua poesia e se ne impossessa. La poesia la seduce e quindi la guarisce. Appunto, attraverso la forza della poesia, come giustamente la giuria del “Premio In Versi”, 2012, scrive nelle motivazioni di assegnazione alla poetessa del primo posto nella sezione poesia inedita.

 

 

Alza lo sguardo alla notte

e

incàntati

immergiti nello splendore del creato

perditi nell’immensità del firmamento

assorbi l’eternità.

 

 

 

 

Non temere…

…allunga la mano…

…sentirai il calore di una stella…

 

 

Tanto che, un elemento neoclassico della poesia novecentesca, come l’eutanasia del ricordo (Pascoli, prefazione ai Poemi conviviali, 1904) recupera nei versi della poetessa, già testimone di un’epoca nuova, una freschezza inaspettata, post moderna e meritevole di attenzione. E le liriche edite ed inedite di Eleonora Cogliati, alcune delle quali già riprodotte nel presente studio, sono colme di ricordi che trapassano lievemente in una nuova consistenza antropologica.

Ci è caro, concludendo una linea affettuosa di analisi verso un’Autrice che ha soddisfatto in pieno il nostro desiderio di emozioni, riportare un breve concetto espresso dalla giuria del Premio Polverini nel novembre 2012, a proposito della silloge Gocce.

L’Autrice si impadronisce d’ogni anfratto di bellezza con le sue esistenziali gocce di emozioni.

 

 
Nota critica

di Angela Giassi

 

 La lirica di Eleonora Cogliati scolpisce una compiuta arte poetica, capace di dire all’infinito, ben oltre i limiti di un chiuso componimento, per la semplicità e la generosità attraverso cui riesce a coinvolgere il lettore con immagini e parole piegate una sola volta, ansia di inespresso.

È difficile ascoltare il suono della poesia, calati come siamo in contesti plurimi funzionali, e allora occorre un “ponte” per uscire da logiche di necessità di cui è permeato il vissuto di tutti i nostri giorni.

Quindi, va accolta come un dono la sintesi poetica, alta, altra, di un’Autrice che, con sensibilità regala al lettore emozioni vissute che echeggiano un mondo d’affetti vagamente carezzato e amato spesso con rimpianto, raggiungendo esiti struggenti.

 

 

Le tue dita allentano la presa

e

annientata dal terrore

ti perdo…

inseguo nel palpito del tuo cuore

l’albeggiare

la rinascita della luce…

 

 

L’albeggiare diventa meraviglia e riempie un desiderio di infinito che trapela vibrante, creando anche questa volta, con un movimento interno, il tono levigato di una speranza.

Con sensualità femminile, venata di dolcezza ma pur sempre controllata e talvolta inaspettata, l’Autrice ci fa parte del suo universo esperienziale, intimo e privato, aprendo un sipario personale, denso di momenti sublimi e amare delusioni, nascoste paure e tentativi di volo.

 

 

Notte

crudele ammaliatrice

seducente complice delle mie emozioni

 

 

 

 

carezze che mi sfiorano nel buio

 

 

 

 

sospiri che mi cullano nel silenzio

 

 

 

 

percepisco la tua assenza

invadermi l’anima

insinuarsi nella mia intimità…

 

 

 

Non ci sono distanze, nessun ostacolo impedisce al lettore di abbracciare la tensione lirica dell’Autrice che, con intensa semplicità, conduce e accompagna in un universo di straniamento artistico, dove ogni cosa significa, al di là dell’apparente, come oggetto metafisico consistente.

Ritroviamo nelle poesie di Eleonora Cogliati l’amore passionale, l’amore materno, la solitudine e lo struggimento amoroso, restituite con una ampia gamma di sfumature laddove si rincorrono tra i suoi versi ricordi e paure, incertezze, e cadute di un animo travagliato, ma sempre volto alla continua ricerca del senso originario dell’essere, capace di commuovere e di suscitare speranza.   

........................................................


Tempo sprecato per la cultura (wasted time for culture)  
   
Button "Mi piace" Facebook  
   
Pubblicitá  
   
Guida al sito (Guide to the site)  
  Ogni giorno, quasi, il sito Vi propone qualcosa. Quindi continuate a visitarlo.... se potete... regolarmente. VOTATELO!!!!
IN CONTINUA EVOLUZIONE.
 
Le pagine (pages)  
  Secondo il titolo della pagina... l'argomento inserito è generalmente ... unico.
Ma le pagine non sono statiche. Variano con aggiunte.

N.B.
Il materiale inserito è scaricabile, ma ricordatevi di CITARE la fonte.
....................................................
DIRITTI D’AUTORE – COPIARE È REATO!

Questo blog è dedicato alle mie poesie e alla cultura , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione.
Molte immagini e notizie sono state prelevate dal Web. Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare e saranno eliminati immediatamente. Grazie!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
 
AIUTI E CONSIGLI (help and advice)  
  Per ogni vostro suggerimento e/o aiuto vi ringrazierò perché è prezioso... per la cultura.
Datemene... e avvicinatevi al sito con tanta tranquillità.

tel. 347 6608889


domenico.ruggiero06@alice.it
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=
347 6608889