domenico.ruggiero06@alice.it
 
www.domenicoruggiero.it.gg
Poesie, aforismi, filosofia, foto del mondo, concorsi, matematica, personaggi, UFO.  
  HOME (biografia + extra)
  AFORISMI, Metafore, Pensieri (celebri e non) - 4
  Poesie e Racconti di D.R.
  Poesie e Racconti di D.R. - 2
  NEL NOME DI DIO (14-8-2013)
  Le fonti di energia effimera (22-8-2013)
  CONCORSI POESIA
  GALLERIA FOTO
  IL MONACHESIMO FEMMINILE NEL MEDIOEVO (F. Squeo - 13-10-2013)
  ARTICOLI di VARIA NATURA
  => Riflessioni di Leo Ferrè sulla poesia (13-05-2012)
  => UFO (da Pier Giorgio Caria) (12-03-2012)
  => Le dimissioni di Benedetto XVI ed il Manzoni (12-2-2013)
  => PAPA Frasncesco - Edizione speciale (15-3-2013)
  => La Magia del Buio (di N. Simonetti - 9-8-2012)
  => La Chiesa di Papa Francesco. Madre dell'Uomo, madre degli uomini (3-4-2013)
  => La scultura del Quattrocento fiorentino. L’alba di un miracolo chiamato Rinascimento (5-4-2013)
  => L’occhio dell’anima nell’esperienza estetica della musica (Fabio Squeo - 6-4-2013)
  => BENEDETTO CROCE: UOMO D’AMORE E DI LIBERTA’ (Fabio Squeo - 6-4-2013)
  => I colori dell’umanità. Oltre le nebbie del razzismo e della stupidità (M. Lasala - 6-4-2013)
  => ELOGIO del VINO (Fabio Squeo - 13-4-2013)
  => Karol Wojtyła. Un filosofo poeta alla ricerca dell’intima sorgente (di M. Lasala - 13-4-2013)
  => Il Messaggio Di Papa Francesco. La Forza Della Verità Sul Sentiero Della Vita (17-4-2013)
  => LA POVERTA' DELLA CHIESA (20-4-2013)
  => LA SAPIENZA DEI PAPI. ANCORA SOPRA IL GESTO RIVOLUZIONARIO DI BENEDETTO XVI (20-4-2013)
  => DANTE: PENSIERI DEVOTI DI UN CREDENTE (20-4-2013)
  => LA DIVINA COMMEDIA: I PERSONAGGI, GLI AMBIENTI, I SIGNIFICATI. (20-4-2013)
  => La Cattedrale di Ruvo di Puglia: un esempio di microcosmo nella dimensione storica dell’uomo (20-4-2013)
  => SIGMUND FREUD: UN VIAGGIO LUNGO I SENTIERI INFINITI DELL’IO (23-4-2013)
  => Federico Barocci. Il Pittore Che Seppe Far Danzare Gli Angeli (24-4-2013)
  => Blaise Pascal : La voce di un uomo che sfugge ai limiti della ragione (26-4-2013)
  => Il cammino verso il compimento dell’uomo tra amore, dono e carità (30-4-2013)
  => ZECHARIA SITCHIN: un uomo consapevole della propria extra-terrestrità (4-4-2013)
  => Passato, "Presente", Futuro (a cura di D. Ruggiero - 5-4-2013)
  => Siamo chiamati a coltivare tutti i beni della creazione. Nel lavoro, la umana dignità (5-4-2013)
  => Edouard Manet. La pittura che parla il gergo della modernità (5-4-2013)
  => Geometria e Filosofia in Giordano Bruno (di M. FRANCIOSI - 7-5-2013)
  => CyberGrace, la logica hacker nella vita di fede (7-5-2013)
  => Epistemologia della complessità in neuroscienze : L'EMERGENZA DELLA COSCIENZA (7-5-2013)
  => IL Mysterium Cosmographicus di Keplero (7-5-2013)
  => Nicola Ieva. IL pittore dei sogni e delle ombre (11-5-2013)
  => Artemisia Gentileschi. Una vita vissuta tra pittura e passione (14-5-2013)
  => L’operosità delle api come risorsa umana insostituibile (22-5-2013)
  ARCHIVIO (25-4-2013)
  Titolo della sottopagina Galleria
  Links di Domenico Ruggiero
  Contatore
  Contatti
  MESSAGGIO DI ASHTAR SHERAN
  GAZZETTA MEZZOGIORNO 22-5-2016
  Elenco links
  Sondaggi d'opinione
  Toplist
  FESTA A VILLA ANZIANI STORELLI - 2016
  FESTA AL CENTRO ANZIANI STORELLI
  NOTTE DEI POETI - DOMENICO RUGGIERO 17-6-2016
  TU CHE VEDI AL DI LA' (POESIA)
  LA BELLEZZA - di FABIO SQUEO
  PREMIAZIONE LA LUCE DELL'ARTE - ROMA
  CONCORSO POESIA PIERLUIGI GRAZIANI - 2016
  CONCORSO POESIA LEIVI 2016 - CITTA' DELL'OLIO
  LIETO COLLE - IL SEGRETO DELLE FRAGOLE 2017
  IBISKOS ULIVIERI - AGENDA 2017
  PERLE QUOTIDIANE 2017 - MONTEGRAPPA EDITORE
Copyright @ opere di Domenico Ruggiero - CITARE sempre la fonte. ........................................................
Artemisia Gentileschi. Una vita vissuta tra pittura e passione (14-5-2013)

Artemisia Gentileschi. Una vita vissuta tra pittura e passione.

di Michele Lasala




Il lungo e intenso percorso di riscoperta e riqualificazione della pittura e della personalità di Artemisia Gentileschi comincia nel non troppo lontano 1916, anno in cui Roberto Longhi, uno dei più grandi storici dell’arte italiana del XX secolo, cui si deve anche il merito di aver ridato ossigeno alla figura di Caravaggio attraverso una grandiosa mostra dedicata al pittore lombardo al Palazzo Reale a Milano nel 1951, quando di Michelangelo Merisi si sapeva poco e niente, scrive un articolo (pubblicato sulla rivista L’arte) dal titolo abbastanza indicativo:Gentileschi padre e figlia. In questo breve scritto Longhi ci dice che Artemisia fu: «L’unica donna in Italia che abbia mai saputo che cosa sia pittura e colore, e impasto, e simili essenzialità […] nulla in lei della peinture de femme che è così evidente nel collegio delle sorelle Anguissola, in Lavinia Fontana, in Madonna Galizia Fede, eccetera».

UNA PITTURA VIRILE – In Artemisia dunque, secondo l’acuta osservazione di Longhi, non c’è nulla che rimandi alla pittura “femminile” di una Lavinia Fontana o di una Anguissola; la pittura della Gentileschi, al contrario, è una pittura virile, maschia, priva di leziosità ma carica di dramma e di pathos. Artemisia Gentileschi dipinge effettivamente come un uomo, dipinge come Caravaggio, dipinge come il padre Orazio, come Battistello Caracciolo, come l’olandese Dirik van Baburen. Dipinge avendo come punti di riferimento i grandi nomi del Seicento europeo, per diventare essa stessa un maestro altrettanto grande quanto lo stesso Caravaggio, il pittore che più di tutti ha influito sulla sua pittura. Ed è per questo che Roberto Longhi, dopo aver riconosciuto la grandezza della pittrice romana, eleva il nome di Artemisia alla stessa altezza di quello del padre Orazio, intitolando il suo scritto appunto Gentileschi padre e figlia. Ma è anche vero che, come dice la brava Tiziana Agnati, in una sua monografia dedicata alla pittrice,  questo scritto di Roberto Longhi è il «primo serio tentativo di analizzare la produzione dell’artista nel più vasto contesto del caravaggismo e, soprattutto, di tentare una prima, accurata distinzione delle opere della figlia rispetto a quelle del padre». Dallo scritto del Longhi ad oggi numerosi sono stati gli studi condotti sulla figura di Artemisia. Accanto a questi non mancano biografie romanzate e film che raccontano il percorso artistico ed esistenziale dell’artista, ispirati dalla vita tormentosa e inquieta di una donna che ha combattuto tenacemente per affermare il suo essere e dimostrare il suo indiscutibile talento creativo, in un’epoca, il Seicento, in cui non era concesso a una donna di diventar pittrice.

ARTEMISIA, PITTRICE CARAVAGGESCA – Fino al 1610/15 Artemisia segue le orme del padre, dipingendo, sempre con una certa pacatezza e un certo equilibrio, non solo quadri di soggetto religioso, come la Susanna e i vecchioni (1610), o le diverse Madonne col Bambino, ma anche scene di genere, in cui compaiono molto spesso figure come suonatrici di liuto, scene queste ispirate ai quadri di analogo soggetto dei pittori olandesi del periodo. Ma il 1612 è certamente l’anno della svolta stilistica per la Gentileschi, perché questo è l’anno in cui la pittrice dipinge la prima versione di un quadro come Giuditta che decapita Oloferne, oggi conservato nel Museo di Capodimonte a Napoli, opera dichiaratamente ispirata ai quadri di Caravaggio. Da questo momento in poi la pittura di Artemisia si fa sempre più drammatica, sempre più cupa, sempre più inquieta. Pittura che segna il lungo periodo caravaggesco della Gentileschi. È questa la stagione in cui Artemisia attraverso la pittura ha modo di parlare di sé, del suo dramma e della sua inquietudine. Il 1612 è infatti anche l’anno in cui si celebra il processo contro il pittore Agostino Tassi per avere stuprato la pittrice. La Giuditta del Capodimonte ha tutta l’aria di essere un’istantanea fotografica di quello che poteva essere il desiderio di Artemisia rispetto al Tassi: tagliare la testa al proprio carnefice. E infatti non è un caso che il volto morente di Oloferne nella sua ultima notte sia proprio quello di Agostino Tassi, e quello di Giuditta ricordi i tratti somatici della stessa Artemisia.

L’ATTIMO FUGGENTE – Nel quadro napoletano la scena della decapitazione avviene in un ambiente indistinto. Una luce proveniente da sinistra illumina l’azione del delitto nel momento più drammatico, nel momento in cui Giuditta ha già operato il primo taglio sulla gola di Oloferne e il sangue del tiranno comincia a sgorgare macchiando le bianche lenzuola del suo letto. Oloferne si dimena ma viene subito bloccato da un’altra donna, la fantesca complice di Giuditta. Il tutto si compie in un attimo, in pochi secondi. Quello che la Gentileschi ha immortalato in questa scena è un momento cruciale, perché è il punto in cui Oloferne non è né vivo né completamente morto, un momento che ricorda la famosa foto di Robert Capa: Il miliziano morente, dove un soldato appena colpito da un proiettile sta per cadere al suolo, ed è tra la vita e la morte.

IL DRAMMA DI LUCREZIA – La potenza drammatica della pittura di Artemisia Gentileschi sta anche in questo: nel cogliere il momento di massimo pathos in una scena. E ciò lo vediamo anche in un altro quadro di stampo caravaggesco: la Lucrezia del 1621, opera conservata a Genova nel palazzo Cattaneo-Adorno. Qui Lucrezia è colta nel momento in cui sta per compiere il suicidio. Il corpo della donna emerge da uno sfondo scuro, buio, ed è illuminato da una forte luce proveniente, anche qui, da sinistra che vuole descrivere non già l’anatomia del corpo della donna, ma il dramma che sta compiendosi. Anche il volto della Lucrezia genovese ricorda il volto di Artemisia, ma la Gentileschi non si è suicidata. Ha preferito la vita nonostante la sua congenita inquietudine, ha preferito dipingere  fino agli ultimi anni della sua esistenza, lasciando al mondo quadri capaci di raccontare nel loro insieme la cronaca della sua stessa vita. Una vita vissuta tra pittura e passione.

LA MOSTRA – Il BLU – Palazzo d’arte e cultura di Pisa ospita la mostra Artemisia. La musa Clio e gli anni napoletani. Dal 23 marzo al 30 giugno. La retrospettiva ripercorre le tappe del periodo napoletano di Artemisia Gentileschi.




............................................................................



Tempo sprecato per la cultura (wasted time for culture)  
   
Button "Mi piace" Facebook  
   
Pubblicitá  
   
Guida al sito (Guide to the site)  
  Ogni giorno, quasi, il sito Vi propone qualcosa. Quindi continuate a visitarlo.... se potete... regolarmente. VOTATELO!!!!
IN CONTINUA EVOLUZIONE.
 
Le pagine (pages)  
  Secondo il titolo della pagina... l'argomento inserito è generalmente ... unico.
Ma le pagine non sono statiche. Variano con aggiunte.

N.B.
Il materiale inserito è scaricabile, ma ricordatevi di CITARE la fonte.
....................................................
DIRITTI D’AUTORE – COPIARE È REATO!

Questo blog è dedicato alle mie poesie e alla cultura , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione.
Molte immagini e notizie sono state prelevate dal Web. Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare e saranno eliminati immediatamente. Grazie!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
 
AIUTI E CONSIGLI (help and advice)  
  Per ogni vostro suggerimento e/o aiuto vi ringrazierò perché è prezioso... per la cultura.
Datemene... e avvicinatevi al sito con tanta tranquillità.

tel. 347 6608889


domenico.ruggiero06@alice.it
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=
347 6608889